Fantastiche auto storiche

Club Motori d’Altri Tempi: l’associazione di amanti di auto d’epoca di Tivoli

Da Tivoli è nata una realtà che abbraccia soci da tutta Italia. Tutti accumunati dalla passione per le auto storiche

Daniele Cerbella, presidente del Club Motori d'Altri Tempi
Daniele Cerbella, presidente del Club Motori d’Altri Tempi

Da un piccolo gruppo di appassionati di vecchie, gloriose, automobili è nata, ormai quattordici anni fa, una bellissima realtà di veri amanti d’auto d’epoca. Il club “Motori d’Altri Tempi”, dal 2006 ad oggi, ha raccolto un centinaio di iscritti in tutta Italia. Tutti fieri proprietari di almeno una vettura storica e, ad ogni loro raduno, è come fare un viaggio nel tempo. Un amore ed una passione che traspare parlando con il presidente Daniele Cerbella.

Come è nata la vostra associazione?

Eravamo un gruppo di amici uniti dalla passione per le auto storiche. A furia di sentirci, organizzare uscite insieme, fare ritrovi, nel 2006 abbiamo deciso di dare vita all’associazione. Questo è un mondo in cui ci si conosce un po’ tutti ed è facile avere amici di altre regioni, perché magari hanno la tua stessa automobile o magari perché ci si scambiano notizie, consigli o pezzi di ricambio. Quindi è stato facile varcare i confini del Lazio ed ottenere adesioni ed iscrizioni anche in altre zone della Penisola.

Club Motori d'Altri Tempi, uno dei raduni a Tivoli
Club Motori d’Altri Tempi, uno dei raduni a Tivoli

Oltre cento iscritti, ma quante auto avete?

Molte di più, ci sono persone che hanno anche più di sette auto. Per tanti è una passione, poi ci sono i veri collezionisti. Tra i nostri iscritti abbiamo anche i proprietari di macchine vecchie, rare e molto belle. Poi c’è un po’ di tutto, anche utilitarie come la storica Fiat 500 alle coupè. Il nostro vice presidente Massimo Di Marco ha una Fiat Uno del 1987, l’acquistò nuova più di trent’anni fa e l’ha avuta sempre con sé. È tenuta benissimo, molto bella, ha anche le iscrizioni ai vari Registri Storici nazionali.

LEGGI ANCHE  Anche l'assessore regionale Alessandri alla commorazione per la Battaglia di Monterotondo

Quali sono le vostre attività?

Forniamo assistenza e consulenza ai nostri iscritti, organizziamo ritrovi ed eventi di beneficenza. Ora con il covid ci siamo dovuti fermare ma non vediamo l’ora di poter riprendere ad incontraci e fare qualche nuova escursione con le nostre vetture. A Tivoli, per esempio, ci siamo ritrovati tante volte. Ogni volta destando curiosità ed ammirazione tra chi veniva ad ammirare le macchine. Sono belle occasioni, facciamo delle passeggiate e poi ci ritroviamo in qualche piazzale. Lì c’è sempre un gran via vai. Capita sempre che un papà racconti al figlio che magari il nonno aveva quel modello, o su un altro aveva preso la patente oppure che era proprio la stessa macchina con cui andavano in vacanza al mare.

Mettere in mostra queste auto è anche un modo per rivivere i ricordi di una vita. Chiunque di noi ha conservate nella memoria, e nel cuore, delle immagini e, spesso, c’è collegata una vettura. L’auto delle prime uscite con la fidanzata, quella con cui si è andati in ospedale per la nascita del figlio, o del nipotino, quella acquistata con il primo stipendio. Rivederle quei modelli è un modo per rivivere quelle emozioni.

Alcuni dei bolidi del Club Motori d'Altri Tempi di Tivoli
Alcuni dei bolidi del Club Motori d’Altri Tempi di Tivoli

Da dove nasce, invece, la sua passione per le vetture storiche?

LEGGI ANCHE  Monterotondo: auto si rovescia su un lato

Rispondere a questa domanda mi fa sorridere. La mia passione nasce da lontano, dal 1969 quando ho acquistato la mia prima macchina, una Fiat 500L. Ho amato, nel vero senso della parola, quel piccolo bolide. Poi purtroppo l’ho dovuta vendere per necessità, la famiglia cresceva e la vettura era piccola, ma ci sono rimasto sempre legato. Nel corso degli anni ho l’ho sempre ricercata, quella e solo quella, da qui la passione sopratutto per le vetture anni ’60 e ’70. Poi ho acquistato una Fiat 124 Sport del 1968 e, per me, è stata come una malattia, che ancor oggi mi porto dietro.

L’amore per le auto d’epoca, più o meno recenti, mi segue da tempo. Ho diverse auto, una in particolare è una Fiat Coupè, per prenderla ho fatto 1300 km tanto mi piaceva lei. Ma si tratta di una vettura davvero particolare, uscita direttamente dagli stabilimenti Pininfarina.

Una super Fiat 500 storica del Club Motori d'Altri Tempi
Una super Fiat 500 storica del Club Motori d’Altri Tempi

Oggi è difficile custodire ed utilizzare una vettura storica?

Assolutamente no, anche se ci sono molte persone che parlano più per sentito dire, magari esagerando sui costi e sulle spese da sostenere. Non è cosi difficile, a meno che non si parli di vetture particolari che, effettivamente, possono avere costi esorbitanti. Ma si tratta di collezionismo ad alto livello, che richiede anche l’investimento di capitali. Noi siamo ad un livello diverso, più amatoriale. Portiamo avanti l’attività, e la coltiviamo, come una passione. Per divertimento.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *