Il caso di Valentina Giudicessa

Riuscirà il gatto a cavarsela in tangenziale?

L’attrice, insieme a sua sorella gemella, è balzata a notorietà grazie al film Come un gatto in tangenziale, un successo firmato da Antonio Albanese e Paola Cortellesi. Le due sorelle hanno replicato con il sequel uscito in questi giorni nelle sale dal titolo Ritorno a Coccia di Morto.

Una delle due sorelle è stata recentemente portata a giudizio con l’accusa di aggressione a una donna e sua figlia dopo un banale diverbio in auto per una manovra azzardata. I fatti per cui è imputata risalgono al 2018.

Valentina, stavolta insieme alla sorella che compare con lei nel film come irresistibile coppia comica, precedentemente era conosciuta dal tribunale di Roma e condannata per un episodio di furto e poi per l’improprio utilizzo di una carta di credito. Tutto questo nel 2018 e 2019. Furti per cui gli erano stati comminati gli arresti domiciliari. Tutto questo un anno dopo il film che l’ha resa, se non celebre, quantomeno conosciuta e in grado di poter impostare una nuova vita.

LEGGI ANCHE  Montelibretti. La sconfitta di Garibaldi  

Con la menzione di questo aggiornamento sulla vita di Valentina si vuole invitare alla riflessione su come un’occasione che può cambiare la vita e proiettare una persona in una dimensione diversa dal mondo di appartenenza non sia sufficiente a dare una svolta. Valentina sembra destinata a replicare il suo destino, così come a rappresentarlo nel film con intenti comici. Somiglia a un personaggio pasoliniano in cui fortuna e sfortuna sono circostanze indifferenti davanti a quel che la vita l’ha portata ad essere.

La situazione trovata non riesce a dare il segno di svolta dal solco esistenziale.

Del resto non è sufficiente un film fortunato (o due) a cambiarti la vita. Serve la volontà determinata in grado di consentire di diventare quel che si è. La rappresentazione della propria vita, semmai, rischia di confermare certi schemi e anche di ritenere possano essere approvati. Ed è una funzione diseducativa del cinema, almeno per chi lo fa. Recitare la propria vita in un film ha dato loro una conferma al loro stile di vita, non una sconfessione o un ripensamento. Ma lo stesso rischia di capitare a un qualsiasi spettatore.

LEGGI ANCHE  Poli - Gli "Scritti Pirandelliani" alla kermesse culturale

Valentina recitando sé stessa ha trovato giustificazione e conferma al suo stile di vita deviante. Questo fa parte della capacità diseducativa di dare modelli che può avere il cinema. Ma questo non vale solo per il contingente e specifico caso di Valentina, ma anche per un qualsiasi spettatore che in un film può recepire troppo o male da antieroi creati per fare spettacolo.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *