TIVOLI - Senza patente né assicurazione, biker investe il vigile e scappa

Italiano di 48 anni già noto alle forze dell’ordine circolava senza casco in Centro in sella ad una Harley: beccato

La due ruote senza assicurazione, lui senza patente e per giunta senza casco: evidentemente era convinto di poter circolare tranquillo e di poter anche investire il vigile che ha provato a bloccarlo. Ma non aveva fatto i conti con “Tivoli Sicura”, il progetto della Polizia Locale finalizzato ad arginare la “movida” tiburtina iniziato da pochi giorni che prevede controlli fino a tarda notte.

Così ora un 48enne italiano già noto alle forze dell’ordine dovrà rispondere di una sfilza di reati e sanzioni per quanto ha combinato nella serata di sabato 18 settembre. Gli agenti diretti dal comandante pro tempore, il capitano Eleonora Giusti, stanno ricostruendo la dinamica dei fatti per valutare quali violazioni addebitarli.

LEGGI ANCHE  Muore la gorilla divenuta famosa per il selfie

Secondo le prime informazioni raccolte da Tiburno, tutto è successo nella tarda serata di sabato scorso mentre all’Anfiteatro di Bleso si teneva il raduno di tantissimi biker. Il 48enne tiburtino, un volto noto nel Centro storico della “Superba”, è stato sorpreso dalla Polizia Locale in sella ad una Harley Davidson senza casco mentre percorreva via Pacifici, la strada che collega piazza Garibaldi a piazza Santa Croce.

A quel punto gli agenti hanno intimato l’alt, ma il centauro ha accelerato nel tentativo di dileguarsi per i vicoli del Centro travolgendo un 53enne vigile urbano. La fuga non è durata molto, visto che la Polizia Locale lo ha rintracciato per contestargli le violazioni: dagli accertamenti è emerso che la moto non era assicurata e che all’uomo era stata da tempo ritirata la patente di guida per i suoi precedenti penali.

LEGGI ANCHE  Salute, continua la campagna di promozione dei screening oncologici

Accompagnato al pronto soccorso del “San Giovanni Evangelista”, l’agente è stato medicato e dimesso con una prognosi di dieci giorni per alcune contusioni agli arti superiori e inferiori. Il pregiudicato rischia le accuse di lesioni, omissione di soccorso e fuga.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *