GUIDONIA – Palazzetto dello Sport, il sogno è realtà. Il sindaco Barbet: “Non sarà più una cattedrale nel deserto”

Taglio del nastro e apertura alla cittadinanza. Nel pomeriggio la prima gara dell'Atlante Eurobasket Roma

Un grande giorno per Guidonia e tutta la sua comunità. Apre oggi infatti ufficialmente il Palazzetto dello sport sito al bivio della città. Dopo il taglio del nastro, il sindaco Barbet ha aperto alla cittadinanza le porte della struttura, visitabile ora per tutti e allestita per l’occasione. “Oggi è un giorno bellissimo. Dopo più di 15 anni si apre il Palazzetto. Spesso è stata nominata la ‘cattedrale nel deserto’. Si pensava che non potesse mai prendere vita. E in effetti per molti anni è stato così. Ha avuto un costo, è stata vandalizzata in passato. Era imbarazzante rispondere ai cittadini in merito a questa struttura, era difficile spiegare”, spiega in conferenza stampa il primo cittadino.

“Nell’immediato era difficile affrontare le spese. Ora però non è più una cattedrale nel deserto e dopo esserci preso l’impegno, lo abbiamo aperto. L’amministrazione ha fatto tutto quello che c’era da fare per rendere questo possibile. Sarà un Palazzetto aperto a tutti, in particolare alle associazioni sportive del territorio. Ma sarà aperto anche alla cultura, perché si potranno organizzare anche molti eventi. Può ospitare squadre di altissimo livello, anche internazionale. Quindi permetterà alla nostra città di espandersi. Si chiamerà Palasport di Guidonia Montecelio”.
 
Presente in conferenza anche Il vice-sindaco Elisa Strani, ex assessore allo sport e l’assessore ai lavori pubblici Antonio Correnti: “Questa inaugurazione è per tutti noi, assessori e cittadini, un’occasione straordinaria. Oggi poniamo le basi per una formazione sportiva sul nostro territorio, oltre a dare vita a una struttura così. Molti parlavano di questo come solo un sogno. Ma i sogni si fanno di notte e si realizzano di giorno. E oggi per Guidonia è il giorno. In cinque anni spesso abbiamo dovuto affrontare le eredità negative lasciate dalle precedenti amministrazioni. Nonostante siamo un ente in pre-dissesto, che non ha libertà di spesa siamo riusciti a fare tutto questo. Quando abbiamo trovato e aperto le carte, abbiamo visto che la struttura era sì in piedi, ma che c’era un debito di 3 milioni di euro. Per un Ente come noi era difficile. Ma ci siamo messi al lavoro e più di tre anni fa siamo riusciti ad abbassare il debito da 3 milioni a 750mila euro, da corrispondere in due rate. Poi siamo venuti a fare un sopralluogo ed è stato un altro duro colpo perché le opere che risultavano sulle carte completate non lo erano, e c’era bisogno di tanti altri ulteriori sforzi economici. Ma grazie al sindaco e al suo supporto non ci siamo fermati e abbiamo superato anche questa. Una volta sistemata la struttura, dovevamo pensare al futuro. Adesso è in atto un affidamento breve per 10 mesi che coinvolgerà oltre agli affidatari anche tutte le associazioni sportive territoriali e le nostre scuole. Poi verrà affidato per un periodo di tempo sicuramente più lungo. Ad oggi questa struttura sarà gestita in maniera paritaria dall’Eurobasket Roma e la Fipav. Queste due associazioni gestiranno a settimane alterne la struttura. Siamo molto orgogliosi oggi di essere qui. Era un’opera tanto attesa dalla nostra cittadinanza e ci auguriamo che possa diventare il fiore all’occhiello della città di Guidonia. Nel bando successivo, che verrà pubblicato entro dicembre, uno degli indirizzi dati dall’amministrazione è di coinvolgere più sport possibili. Non solo pallavolo e basket. Nei prossimi giorni sarà fatta un’altra giornata di apertura organizzata dall’amministrazione in cui saranno invitate tutte le società sportive del territorio”. 
di Valerio De Benedetti
Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Apre il Tmb, il sindaco Lombardo: “Gualtieri non mi ha avvertito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.