Turisti stranieri

Le città del plurilinguismo: gli 80 idiomi di Fonte Nuova, Mentana, Monterotondo

Lunedì pomeriggio la presentazione dei risultati della ricerca condotta dall’Università per Stranieri di Siena

Il dato potrà sembrare incredibile ma è vero e frutto di una ricerca congiunta tra le scuole del territorio e L’Università per stranieri di Siena: tra Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo si parlano una ottantina di idiomi, tra lingue e dialetti. Un primo studio era stato eseguito quindici anni fa. I risultati di come le lingue si sono evolute e mescolate a Nord est verranno resi noti lunedì 17 gennaio alle ore 17 e 30 tramite piattaforma Meet (https://meet.google.com/grk-tmsx-zso).
“Quindici anni fa si svolse in queste città una delle primissime indagini sulla nuova condizione linguistica nazionale: nuova, perché modificata innanzitutto dalla presenza delle lingue degli immigrati”, spiegano dall’Università degli stranieri di Siena. Allora come oggi l’esigenza di capire che cosa stesse cambiando nella società, nelle sue lingue e nei suoi linguaggi è venuta dalla scuola: era – è – l’esigenza di capire per poter gestire, per poter programmare gli interventi formativi in modo adeguato alla realtà che stava cambiando, che cambia anche oggi.
Dopo 15 anni sempre le scuole di Monterotondo, Mentana e Fonte Nuova hanno sentito l’esigenza conoscere i cambiamenti linguistici e sociali che attraversano il loro territorio e perciò hanno sentito l’esigenza di ripetere la ricerca. Le ha spinte la consapevolezza dei cambiamenti nella composizione della immigrazione straniera nei loro territori: nuovi gruppi arrivati, nuove lingue e nuove culture che sono entrate in contatto con quelle della società locale e con i vecchi gruppi di immigrati. Nuove bambine e bambini, giovani presenti nelle classi: nuovi problemi, nuove competenze da formare. Non si pone solo la questione di conoscere il nuovo che dalla società entra nelle classi scolastiche, ma anche di sapere se e come si è stabilizzata nei territori l’immigrazione straniera presente ormai da molti anni.
I protagonisti della ricerca
La ricerca “Le città del plurilinguismo: Monterotondo, Mentana, Fonte Nuova” è stata condotta dal Centro di Eccellenza della Ricerca dell’Università per Stranieri di Siena, sotto la guida di Massimo Vedovelli; i ricercatori, coordinati da Raymond Siebetcheu, sono stati Elisabetta Anzalone, Desiré D’Alba, Caterina Ferrini, Rosalia Guidoni, Giulia Pannozzo, Marilena Pescini, Orlando Paris, Paola Savona. Il gruppo di ricerca ha svolto i suoi lavori grazie alla stretta collaborazione con le scuole di Monterotondo, Mentana, Fonte Nuova.
Riassunto risultati
Dall’analisi dei dati raccolti, emerge l’uso consapevole, la vitalità e visibilità a scuola, in famiglia e per strada di un’ottantina di idiomi, tra cui l’italiano, le lingue straniere della scuola, la lingua italiana dei segni e altre lingue segnate, le lingue immigrate nonché le varietà dialettali locali e non locali. (A.P.)

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Cosa fare oggi: sagre, ballate, escursioni e carri in maschera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *