Arabia Saudita, studentessa condannata a 34 anni per aver usato Twitter

La condanna in appello: per i giudici i cinguettii venivano rilanciati per favorire dissidenti

Una studentessa saudita dell’Università di Leeds, che era tornata a casa nel regno del Golfo per una vacanza, è stata condannata a 34 anni di carcere per avere un account Twitter e per aver seguito e ritwittato dissidenti e attivisti. Lo ha riferito il Guardian, ricordando come la sentenza del tribunale speciale saudita antiterrorismo, una condanna inflitta in appello, sia arrivata poche settimane dopo la visita del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, in Arabia Saudita.

Salma al-Shehab, 34 anni, madre di due bambini, era stata condannata in primo gradoa tre anni di carcere per aver utilizzato un sito Internet con lo scopo di “causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale”. Ma nei giorni scorsi una corte d’appello ha emesso la nuova sentenza – 34 anni di carcere oltre a 34 anni di divieto di viaggi all’estero – dopo che un procuratore ha chiesto ai giudici di prendere in considerazione altri presunti crimini.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Reunion bikers all'anfiteatro di Bleso

Secondo una traduzione degli atti del tribunale ricostruita da Adn kronos Shehab è stata accusata anche di “aiutare coloro che cercano di causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale seguendo i loro account Twitter” e ritwittando i loro ‘cinguettii’. Si ritiene che la donna possa chiedere un nuovo appello. Il caso, per il Guardian, segna anche l’ultimo esempio di come il principe ereditario, Mohammed bin Salman, abbia preso di mira gli utenti di Twitter nella sua campagna repressiva.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.