MORICONE – Ciak si gira, 4.400 euro per il reportage sul Borgo

L’amministrazione Pascazi affida l’incarico di girare un documentario di 20 minuti al video portale PiccolaGrandeItalia.tv

L’obiettivo è promuovere l’immagine del paese raccontandone la storia, le peculiarità, il folclore, le attrazioni, le tradizioni, i prodotti tipici e le eccellenze di tutto il territorio.

Per questo l’amministrazione comunale di Moricone ha deciso di realizzare un documentario promozionale da far girare in Rete.

E’ quanto stabilisce la determina numero 54 – CLICCA E LEGGI IL DOCUMENTO - firmata mercoledì 21 settembre dal sindaco Giovanni Battista Pascazi in qualità di dirigente del Settore Amministrativo.

Con l’atto viene conferito l’incarico alla Società “Bweb Srl” di Atella, in provincia di Potenza, di realizzare un reportage di 20 minuti con riprese, immagini ed interviste realizzate direttamente nel territorio comunale per un importo complessivo di 4.392 euro.

LEGGI ANCHE  Monte Livata riapre: parte la stagione invernale

A gennaio scorso era stata proprio la “Bweb Srl” a proporre all’amministrazione Pascazi il progetto del reportage dal titolo “Scopriamo il Borgo di Moricone” da diffondere su “Piccola Grande Italia TV – Raccontiamo il Bel Paese”, Video Portale on Demand sulle bellezze italiane con oltre 2.500 documentari sulle località più sconosciute ed affascinanti di un’Italia da scoprire.

Per questo a marzo 2022 il comune di Moricone aveva presentato domanda di contributo al Ministero della Cultura con un ampio Progetto di rigenerazione culturale e sociale sviluppato in 45 interventi, tra i quali uno destinato alla realizzazione di un piano di marketing territoriale che prevedeva anche la realizzazione di un video istituzionale di promozione turistica.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Schianto nella notte, cinque giovani vite spezzate sulla Nomentana

Tuttavia la domanda, pur inserita nella graduatoria dei progetti finanziabili, non ha trovato fondi disponibili.

A quel punto l’amministrazione Pascazi ha deciso di realizzare coi fondi dell’Ente un modello di valorizzazione e promozione turistica incentrato sulla tutela e sulla riscoperta del made in Italy, attraverso lo sviluppo di strategie finalizzate alla comunicazione e al marketing territoriale sfruttando le grandi capacità divulgative delle più recenti tecnologie per la comunicazione digitale.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.