Palombara – La terrazza di Villa Manetti, una meravigliosa location per matrimoni, cerimonie ed eventi

Villa-Manetti-esterno

Villa Manetti, ha vinto il contenzioso con il comune la sua meravigliosa terrazza è regolare e perfetta.  La sentenza del Tar ha costretto il comune a risarcire con 1.500 euro  di spese giudiziarie, il titolare di Villa Manetti. La vicenda era relativa alla richiesta della proprietà “Manetti Eventi” della Dia sanitaria per le feste da organizzarsi nella terrazza, dove secondo il progetto iniziale non erano previsti gli infissi. La proprietà ha tolto le finestre e la terrazza ha mantenuto comunque il suo splendore.  

Infatti la struttura, sita in viale Tivoli, è un’elegante location in cui si possono organizzare eventi, matrimoni, feste, convention e mostre d’arte. Villa Manetti, ambienti romantici e raffinati con affreschi originali, si distingue dalle altre dimore storiche  perchè domina un panorama bellissimo ed è circondata da un giardino all’inglese elegante e rigoglioso.
La Villa ristrutturata, offre ambienti di grande atmosfera, perfettamente attrezzati. La struttura fu eretta dal Cardinale Giovanni Battista Bussi (1657-1726). Vi soggiornò il famoso archeologo britannico Tomas Ashby (1874-1931) Dal 2004 la Villa è di proprietà di Giorgio Manetti, 78enne originario di Sant’Angelo in Vado, che l’ha ridonata all’antico splendore. «La vicenda del ricorso al Tar mi ha logorato fisicamente – commenta il proprietario – Comunque è andata bene. Qualche invidioso della zona segnalò ai vigili urbani che stavo costruendo una tettoia con le finestre proprio nel periodo in cui la mia società stava cambiando denominazione, a seguito dell’uscita dell’altro socio che inizialmente rilevò le quote dalla precedente società “Monte Gennaro”. Ora detengo il 66% delle azioni, mentre il restante 44% è del geometra Altana».
Una vicenda spiacevole questa denuncia dalla quale però siamo usciti rafforzati nelle nostre ragioni. Del resto la terrazza è sempre stata il luogo preferito dagli sposi per le cerimonie d’estate, uno dei luoghi più affascinandti della Villa.

Gino Ferretta

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Delitto in baraccopoli, il sospettato al giudice: “Sono innocente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *