GUIDONIA - Cacciatori indisciplinati, sanzioni e denunce

Controlli a tappeto dei Carabinieri Forestali alla riapertura della stagione: beccati tre italiani della zona

La legge li vieta, ma per facilitarsi il gioco qualcuno utilizza i richiami per gli uccelli da impallinare ad una distanza ravvicinata. Ed è sempre la legge a stabilire che sul tesserino venatorio venga iscritta la giornata della battuta di caccia. Ieri, domenica 19 settembre, è stata ufficialmente aperta la stagione venatoria e sono anche iniziati i controlli a tappeto da parte dei Carabinieri Forestali delle stazioni di Guidonia e Ciciliano.

Il bilancio delle prime due giornate di attività è di una denuncia, due sanzioni amministrative e il sequestro di un fucile e munizionamento. Ieri nella rete dei militari sono finiti due italiani.

Il primo, un 50enne guidoniano, è stato “pizzicato” nelle campagne de La Botte trovato in possesso di un richiamo elettronico appeso ad un albero mentre sparava alle facili prede: per l’uomo è scattata la denuncia in quanto l’apparecchio è vietato dalla legge 157/92 sulla protezione della fauna e del prelievo venatorio e il suo impiego del richiamo elettronico costituisce un reato punito con un ammenda fino a 1.549 euro. Al 50enne i militari hanno sequestrato sia l’apparecchio illegale che il fucile marca Beretta calibro 12, insieme a 70 cartucce dello stesso calibro.

LEGGI ANCHE  Sospesa vice questore no green pass

Nella stessa mattinata di ieri nelle campagne di via della Selciatella i Forestali hanno beccato un cacciatore 60enne anche lui di Guidonia che aveva appena preso un fagiano senza annotarlo come previsto dalla legge: per l’uomo è scattata una sanzione da 154 euro per mancata annotazione del volatile ucciso nel tesserino venatorio.

Stamane, lunedì 20 settembre, i controlli dei Forestali si sono estesi in località Canneti a Ponte Lucano nel territorio di Tivoli dove è stato sorpreso un 35enne tiburtino nella stessa situazione: il cacciatore non aveva registrato la giornata sul tesserino venatorio e anche per lui è scattata una sanzione da 154 euro.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *