L’outdoor nel Lazio

Una tavola rotonda per la tutela, lo sviluppo, il turismo e la prevenzione

Il prossimo 23 settembre 2021, dalle ore 10, presso il Teatro Vittorio Veneto di Colleferro, si terrà una tavola rotonda rivolta prevalentemente alla pubblica amministrazione, allo scopo di favorire la collaborazione tra tutte le entità potenzialmente interessate a promuovere una fruizione degli ambienti naturali del territorio laziale in sicurezza.

L’evento, patrocinato da Anci Lazio, Regione Lazio Uncem Lazio, della Comunità dei Monti Lepini e Comune di Colleferro e della Compagnia dei Lepini, è organizzato dal Servizio Regionale Lazio del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), in collaborazione con  il Club Alpino Italiano Lazio (CAI Lazio), FederTrek, la Federazione Speleologica Laziale (FSL), l’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche (AIGAE).

Le attuali situazioni contingenti hanno portato ad un aumento della frequentazione da parte dei cittadini di ambienti montani, parchi, riserve e territori naturali in genere, non sempre accompagnata da una conoscenza delle procedure adeguate a garantirne la sicurezza. Come conseguenza si è avuto un aumento delle criticità per la popolazione che, sempre più frequentemente, si impegna in attività escursionistiche, correndo pericoli altrimenti evitabili.

LEGGI ANCHE  Marcellina - Al via all'ottava edizione della "Vera lettera di Babbo Natale"

Il commento di Luisa Piacentini

«E’ molto importante – spiega Luisa Piacentini, delegata al Turismo di Anci Lazio – valorizzare i nostri territori e dare modo alle persone di viverli in sicurezza.
Il cosiddetto “turismo lento”, ovvero quello comprendente escursioni in bicicletta o a piedi, spesso in aree isolate, è un grandissimo volano per l’economia di comunità spesso dimenticate ma deve essere vissuto con consapevolezza e sensibilità.
Non possiamo pensare di affrontare sentieri e ferrate spesso molto complicate senza un minimo di preparazione o anche semplice conoscenza delle regole più basilari, come istituzioni dobbiamo prevenire questi comportamenti, collaborando con le realtà esperte del territorio e sensibilizzando i fruitori di questo nuovo tipo di turismo».

Gli organizzatori della manifestazione, hanno individuato, degli strumenti fondamentali per promuovere una corretta informazione e la diffusione di quella cultura, che è alla base della prevenzione di criticità e della diffusione delle corrette procedure di ingaggio delle principali organizzazioni preposte al soccorso in ambiente ostile, tra cui 112, 118, CNSAS .

LEGGI ANCHE  Contro la violenza sulle donne, dibattiti, panchine, murales e l'apertura di un centro ascolto

Si è individuata la forma più consona a tali obiettivi in quella della Tavola Rotonda, con modalità mista, in presenza e diretta streaming su piattaforma digitale (Zoom) per consentire il maggior numero di partecipanti, nel rispetto della sicurezza, in conformità alle attuali normative vigenti volte al contenimento della diffusione del SARS-COV2.

A tal fine, si intende coinvolgere, oltre alle istituzioni sul territorio, che trovano la loro massima espressione nei comuni montani, gli altri organi istituzionali preposti alla salvaguardia della salute comune:

  • Direzione Regionale Soccorso Pubblico e N.U.E (112);
  • Ares 118 UOC Elisoccorso Regionale;

Per la manifestazione è prevista una durata di circa tre ore.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s