Quando la violenza è di genere

Uomini che uccidono donne per effetto di perdita di un predominio che precedentemente era vero solo nella mente di questi assassini

Oramai il fatto rischia di non fare più notizia, tale è fisso lo schema. Tanto che, con varianti diverse, pare di leggere la stessa vicenda. ‘Lui non voleva essere lasciato da lei’ … ‘Lui non riusciva a controllarla, lei era indipendente’ … ‘Lui era maniacale e ossessivo, anche lei non ne poteva più’ …
Potrebbero tornare ossessivamente come spiegazioni che non spiegano mostrano solo una debolezza che non può essere ascritta solo a quel singolo, ma ad un’identità di genere finita in crisi quando il suo predominio sul mondo è franato.
Oggi le donne per capacità e preparazione hanno scalato le vette di ogni gerarchia intellettuale e dove non ci sono, almeno in rappresentanza pari nel raffronto di genere, è perché trovano la porta sbarrata da invisibili paletti: l’accesso a cariche elettive dove possano misurarsi sulla capacità.
Sono primati, questi (poche donne nelle leve di comando e la violenza su di loro), per cui il nostro paese si trova in posizioni preminenti rispetto al resto d’Europa. “La risposta soffia nel vento” direbbe Bob Dylan. Più semplice sommessamente noi la leggiamo nell’arretratezza della cultura sociale che nei decenni di emancipazione della donna ha visto premiati modelli di machismo in Italia. Come se, in definitiva, a parte alcuni dettagli di apparenza, era l’uomo forte a prevalere. Senza fare nomi questo lo si rileva anche nei principali leader dell’economia e della politica. Ma non poteva durare a lungo. Ora l’illusione si è dissolta. Non basta all’uomo, mostrare che è masculus per avere ragione nelle piccole e grandi cose. L’uomo che parte per fare la guerra o per lavorare nel Novecento non ha corrisposto a una prerogativa esclusiva, tale da rivendicare una primazia sociale. Ecco allora che il castello è crollato. E il conflitto che oramai non è più solo in fabbrica o nei campi di battaglia, ma ovunque, si riversa ovunque. E sono molte le donne che pagano per questo un prezzo troppo alto.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  CAPENA – Lamentele dei cittadini per la nuova rotonda al Bivio di Capannelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s