MONTEROTONDO – Liceo Catullo, corsia preferenziale per gli eretini

Il Consiglio di Stato boccia il ricorso del sindaco di Mentana: la residenza è decisiva per iscriversi in prima

La residenza in città può garantire un punteggio più alto rispetto ad un “forestiero” per studiare al Liceo Classico Statale “Gaio Valerio Catullo” di Monterotondo.

Lo ha stabilito il Consiglio di Stato lo scorso martedì 31 maggio che ha respinto il ricorso del Comune di Mentana relativamente ai criteri di accettazione delle iscrizioni alle classi prime del “Catullo”.

Col parere numero 909 – CLICCA E SCARICA IL FILE– i giudici amministrativi hanno considerato irricevibile il ricorso presentato il 16 maggio 2019 dal sindaco Marco Benedetti per far annullare la delibera emessa dal Liceo Classico il 28 novembre 2017.

Il sindaco si era mosso dopo la segnalazione ricevuta il 20 febbraio 2019 da parte di un cittadino residente a Mentana che lamentava l’impossibilità per il figlio di essere iscritto alla prima nell’Istituto superiore di via Tirso. Tutto a causa di quella delibera del 2017 che fissava alcuni “paletti” sulla base dei quali viene stilata una graduatoria di ammessi a scuola.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Riapre la scuola Buozzi: ora è antisismica

In particolare, i 30 punti assegnati ai residenti nel Comune di Monterotondo contro i 20 punti per i residenti nell’ex Distretto scolastico 32 (quello del Comune di Mentana, appunto) e i 10 punti per i residenti negli ex Distretti 31 e 33. Nel ricorso straordinario al Presidente della Repubblica il sindaco Benedetti aveva ricordato che il Comune di Mentana dal 1974 fa parte del Distretto scolastico 32 insieme al Comune di Monterotondo, per cui riteneva illegittima la scelta del Liceo eretino di penalizzare i residenti della sua città.

I giudici della Sezione Prima non sono entrati nel merito della vicenda e hanno concluso per l’irricevibilità della richiesta del sindaco Benedetti.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Tmb, ora l’impianto rifiuti ha anche il pozzo d'acqua

A parere dei magistrati il ricorso è stato proposto tardivamente, quasi due anni dopo la delibera emessa dal Liceo, mentre la legge prevede l’impugnazione di un atto entro 120 giorni dalla data ultima di pubblicazione.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.