VALLE DELL’ANIENE – Mamma capriola muore investita, il cucciolo salvato dai guardiaparco

Il piccolo ora è stato affidato al Centro Recupero Fauna Selvatica di Piano dell'Abatino

Mamma capriola viene investita da un’auto nell’alta Valle dell’Aniene, il cucciolo aspetta invano il suo ritorno finché non viene salvato dai guardiaparco.

A mettere in allerta qualche giorno fa i guardiaparco del Parco Regionale Monti Simbruini la segnalazione di un automobilista che indicava la presenza di un capriolo morto sul bordo della carreggiata della SP28, la strada che da Filettino sale a Campo Staffi. Sulla strada effettivamente viene rinvenuta la carcassa di una capriola, con segni e ferite riconducibili ad un investimento stradale. Ad un esame dettagliato la povera capriola sembrava in buone condizioni fisiche ed in lattazione.

A questo punto i Guardiaparco insieme a un collega del Servizio Naturalistico hanno deciso di provare a cercare nei dintorni l’eventuale presenza di un cucciolo della capriola investita. Dopo poco infatti, a pochi metri dalla strada, acciambellato e nascosto all’ombra di un cespuglio di rovi hanno scorto il piccolo capriolo che in silenzio attendeva la madre.

LEGGI ANCHE  SANT’ANGELO ROMANO - Scontro frontale sulla Palombarese, due feriti gravi

Considerato che le femmine di capriolo non usano adottare i caprioli orfani e che il cucciolo aveva pochi giorni di vita e doveva essere assolutamente allattato ed accudito in breve tempo, i Guardiaparco hanno prelevato il piccolo e lo hanno portato subito presso il Centro Recupero Fauna Selvatica di Piano dell’Abatino (RI), che ha dato la sua disponibilità ad accoglierlo. Il piccolo ha trovato un altro caprioletto di poco più grande già presente nel Centro e si è tranquillizzato e ha preso i primi sorsi del latte che per ora gli ha salvato la vita.

Il cucciolo si trova in una fase molto delicata, se sopravvive potrà di nuovo essere liberato in natura. Come è suo comportamento naturale, i piccoli di capriolo rimangono le prime settimane di vita nascosti immobili nell’erba alta o nel sottobosco, mentre la madre bruca nelle vicinanze e torna a trovarlo solo per allattarlo. Il piccolo comincerà a seguire la madre quando sarà più grande.

LEGGI ANCHE  LAVORO – Incentivi per le assunzioni dei giovani: ecco come accedere

“Questo drammatico episodio – è l’appello dei guardiaparco – ci ricorda quanto sia importante fare attenzione percorrendo in auto le strade del parco e mantenendo una velocità tale da poter avvistare la fauna in anticipo e non incorrere in un forte impatto fra il veicolo e gli animali che attraversano la strada, sia per la propria sicurezza ed incolumità che per quella della fauna selvatica protetta”. (Gi.Pi.)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.