GUIDONIA - Palazzo sgombrato dopo l’incendio, gli inquilini chiamano “Striscia”

Jimmy Ghione a Setteville: 8 famiglie fuori casa da 100 giorni. Il rogo per un allaccio abusivo

Hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni tre mesi e mezzo fa a causa di un incendio divampato nel garage condominiale (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Tutta colpa di un allaccio abusivo di corrente.

Per questo ieri, giovedì 16 marzo, otto famiglie residenti a Setteville, quartiere alla periferia del Comune di Guidonia Montecelio, hanno lanciato la disperata richiesta di aiuto attraverso il tg satirico di Canale 5 “Striscia la Notizia”.

A raccogliere la protesta è stato l’inviato Jimmy Ghione, contattato da Fabrizio Montanini, operaio laureato di Setteville Nord e consigliere della Lega nel IV Municipio di Roma Capitale.

Le famiglie rimaste senza case sono infatti inquiline e residenti nel complesso di case popolari di proprietà del Comune di Roma in via Carlo Todini 107 a Setteville.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Dimissioni del sindaco, l'opposizione: "Una buona notizia"

Il dramma degli abitanti è iniziato sabato 3 dicembre 2022, quando all’interno di un garage del complesso sono divampate le fiamme talmente alte che secondo i vigili del fuoco è stato compromesso anche il solaio di calpestio dell’androne della palazzina di 4 piani sovrastante dove abitano le 8 famiglie.

Per questo nella stessa serata del 3 dicembre con l’ordinanza numero 449 il sindaco di Guidonia Montecelio Mauro Lombardo aveva dichiarato inagibili sia il garage che gli otto alloggi popolari sovrastanti l’autorimessa (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Secondo una prima ipotesi – ancora da definire – a causare il corto circuito sarebbe stato il sovraccarico di corrente dovuto ad un allaccio abusivo tra una casa popolare e l’impianto elettrico del garage.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Comune salvo dal dissesto, la Regione Lazio acquista l'ex clinica Madonna delle Rose

Le famiglie sgomberate si sono rivolte a me in quanto le case popolari sono del Comune di Roma – spiega il consigliere municipale Fabrizio Montanini – Come sempre, mi sto muovendo sia dal punto amministrativo che mediatico.

Speriamo che il servizio di Striscia possa accelerare il ritorno nelle loro case di questa gente!”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.