GUIDONIA - Auguri “Nonna Vittoria”, Villalba festeggia la prima nata nel quartiere

Sabato il compleanno della pioniera nata prima della costituzione del Comune

Sulla carta d’identità c’è scritto che è nata il 3 giugno 1933 a Tivoli.

Villalba di Guidonia quando ancora era definita “Località Barozze” o “Shangai”

Sì, perché all’epoca quel pezzo di terra un tempo chiamato “Località Barozze” o “Shangai” faceva parte del territorio della Città dell’Arte.

Vittoria Galante, la prima nata vivente a Villalba di Guidonia

In realtà Vittoria Galante è stata testimone non soltanto della nascita di Villalba, quartiere del Comune di Guidonia Montecelio fondato dal Duce nel 1937, quando lei aveva appena 4 anni. “Nonna Vittoria” è l’unica persona oggi in grado di dire “Io c’ero”, quando si parla di eventi o avvenimenti che riguardano il suo quartiere.

Una giovanissima Vittoria Galante a Villalba di Guidonia

Anche per questo domani, sabato 3 giugno, alle ore 10,30 presso il Centro anziani di Corso Italia 214 si terrà “un compleanno particolare… il racconto lungo 90 anni di chi è nata e vissuta qui”.

D’altronde il cognome di “Nonna Vittoria” ha fatto la storia di Villalba.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Scomparso e ritrovato dai carabinieri, Andrea riabbraccia i genitori

Il nonno paterno, Pietro Galante, fu il pioniere di Villalba e gettò le basi per la futura cittadina quando i residenti erano poco di più di 200 e la zona era chiamata “Localita  Barozze”, dal nome dei carri dalle grandi ruote che trasportavano i blocchi di travertino delle cave transitando lungo l’attuale Corso Italia, all’epoca Via delle Barozze.

Figlia di Vincenzo Galante e Lucia Dominici, Vittoria era la secondogenita dopo il fratello Pietro e il più piccolo Angelo, anche loro nati a Villalba rispettivamente nel 1932 e nel 1942.

Anche per le nozze “Nonna Vittoria” scelse la sua Villalba unendosi in matrimonio il 24 aprile 1955 nella cappellina di via Puglie con Adriano Marcangeli, originario di Orvinio e scomparso nel 2001 all’età di 71 anni, padre di Aleandro, Carlo, Luciano e della compianta Monica.

Sabato al Centro anziani, insieme ai figli, ai nipoti e ai pronipoti, ai parenti e agli amici, ci saranno anche rappresentanti dell’amministrazione comunale per festeggiare i 90 anni di “Nonna Vittoria”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Cassa Commercialisti, Sonia Quaranta eletta nel Collegio sindacale

Per tutti sarà anche l’occasione di ripercorrere le tappe della storia del quartiere.

Da quando con la delibera numero 65 del 9 agosto 1950 il nome “Località  Barozze” venne cambiato dal Comune in Villalba e con lo stesso atto l’amministrazione ribattezzò la vecchia “Località Le Sprete” in Villanova.

Nel 1950 “Nonna Vittoria” aveva 17 anni, i residenti erano quasi 1000 ma non c’era ancora un luogo di culto: fu realizzato grazie alla sensibilità dello zio della prima nata vivente, Gaspare Galante, che offrì il terreno dove l’anno successivo si aprirono le porte ai fedeli della cappellina di via Puglie e dove Vittoria avrebbe celebrato il matrimonio con l’amato Adriano Marcangeli nel 1955.

Di fatti, eventi e celebrazioni Vittoria Galante ne ha visti tanti nell’arco dei suoi splendidi 90 anni, per questo la chiamano la “Nonna di Villalba”.

Buon compleanno.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.