MONTEROTONDO – Nasce un giardino di rose speciale

Nel nuovo Parco degli Ulivi. L'inaugurazione il 6 giugno

Un’area verde con 21 roseti rossi. Il prossimo 6 giugno, alle 17.30, verrà inaugurato presso il Parco degli Ulivi un giardino pubblico dedicato alle 21 donne che fecero parte dell’Assemblea Costituente. Il parco, ubicato nei pressi della nuova traversa che congiunge via Ticino a via Riva, sarà adornato con 21 piante di rose rosse, simbolicamente rappresentanti ognuna delle 21 donne che hanno contribuito alla stesura del testo costituzionale. L’assemblea fu eletta subito dopo il referendum del 2 giugno 194, che sancì la nascita della Repubblica italiana. Per la prima volta lo scenario politico nazionale vedeva accolte le istanze del mondo femminile. Le donne non vissero più l’umiliazione della delegazione agli uomini e la loro partecipazione all’assemblea simboleggiò la fuoriuscita dall’ombra patriarcale. Pur nelle loro differenze culturali e politiche, infatti, tutte e 21 avevano una visione avanzata dell’emancipazione femminile.

LEGGI ANCHE  NEROLA - Rubinetti ancora a secco, gli abitanti: "Costretti ad andare in bagno nei prati"

L’Amministrazione comunale rende onore alla loro memoria e al loro lascito ideale intitolando alle ventuno madri costituenti il nuovo giardino di via Ticino e l’installazione floreale fissa a loro dedicata. La realizzazione di questo giardino pubblico si inserisce nella più ampia opera pubblica che ha interessato l’area con interventi di salvaguardia idraulica e viabilità. Il parco includerà sia il roseto che una lunga seduta, con l’auspicio di consentire anche agli studenti e alle studentesse – vista la vicinanza alle scuole – di poter vivere dei momenti di condivisione ed essere contemporaneamente sollecitati alla scoperta del nostro passato in un’esperienza d’apprendimento extrascolastico.

L’evento è nato dalla collaborazione fra ANPI Monterotondo Sezione Edmondo Riva e Comune di Monterotondo su proposta dell’assessore Isabella Bronzino e della delegata alle pari opportunità Alessandra Clementini che, in accordo con il sindaco Varone, hanno dato avvio al progetto. All’inaugurazione interverrà anche Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti. (F.L.)

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.