Castelnuovo di Porto – Il Comune attende il pronunciamento del TAR sull’antenna Iliad 5G

Intanto, l'associazione ambientalista VAS propone una possibile parziale soluzione all'insediamento

Nonostante le richieste di alcuni cittadini, di associazioni ambientaliste e di diversi consiglieri di opposizione, tra cui Luigi Galdiero, l’amministrazione non ha ancora firmato l’ordinanza esecutiva di demolizione dell’antenna di Iliad Italia istallata da settembre del 2021 in località Monti della Camera, realizzata presentando una semplice SCIA.

Il 16 settembre una determinazione del Consiglio Comunale ha annullato la SCIA presentata da Iliad, rendendo abusiva l’opera edilizia realizzata. Nonostante ciò, non è stato dato seguito alla demolizione perché, spiega il Sindaco, Riccardo Travaglini, “è stata chiesta dal Iliad al TAR la sospensiva dell’efficacia del provvedimento. Noi non possiamo adottare una ordinanza ora, mentre i ricorrenti hanno chiesto di annullare il provvedimento. Solo a fine dicembre, quando sono fissate le Camere di Consiglio e sapremo cosa deciderà il TAR, potremo eventualmente agire. Se il provvedimento verrà confermato, noi faremo il ripristino dello stato dei luoghi e la demolizione dell’antenna, se non lo è, vedremo se agire, eventualmente, al Consiglio di Stato”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Sosta a pagamento, arrivano le prime strisce blu

Se il parere del TAR sarà favore al Comune, gioirà anche l’Architetto Rodolfo Bosi, presidente dell’Associazione VAS (Verdi, Ambiente e Società), che ha preso a cuore la causa di Castenuovo, interpellato da una cittadina, Luisa Bianchini, che abita proprio a ridosso dell’antenna ed è preoccupata per le conseguenze dell’esposizione alle onde elettromagnetiche.

L’articolo per intero è disponibile su Tiburno, in edicola o in digitale, da oggi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.