divietoplastica

Stop alla plastica monouso: ce ne siamo accorti?

Il divieto è scattato ieri per quei prodotti di plastica non biodegradabili, ma si possono terminare tutte le scorte

Venerdì 14 gennaio è scattato in Italia lo stop all’uso della plastica monouso, ovvero tutti quei prodotti che non sono biodegradabili (piatti e bicchieri, cannucce, contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso, bastoncini per l’igiene delle orecchie) e anche quegli attrezzi per la pesca contenenti plastica. Infatti è entrato in vigore il decreto legislativo 196, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 30 novembre scorso, che recepisce la Direttiva dell’Unione Europea “Sup” (ovvero Single Use Plastic) risalente al 2019.

L’obiettivo è quello di promuovere l’uso di plastica riciclata adatta al contatto con gli alimenti. Per chi non si adegua, ci sono multe consistenti, da 2.500 a 25 mila euro, ma non per chi ne ha una bella scorta. Quindi, esercenti e produttori potranno venderne fino ad esaurimento.

LEGGI ANCHE  Quando finisce una storia d’amore

Il ministero della transizione ecologica stabilirà le regole di smaltimento (perché non insieme al via libera al decreto?).

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *