TIVOLI – Premio Bulgarini, medaglie e diplomi agli studenti meritevoli

Mercoledì 11 maggio la cerimonia conclusiva del concorso sulla storia di Tivoli al quale hanno partecipato 376 alunni

Mercoledì 11 maggio, nel magnifico scenario di Piazza Campitelli (in caso di maltempo nel complesso dell’Annunziata), si premieranno le alunne e gli alunni delle quinte classi delle scuole primarie del Comune di Tivoli risultati vincitori del “Premio Bulgarini sulla storia di Tivoli”.

Nonostante le difficoltà causate dall’emergenza del Covid-19 quest’anno la partecipazione ha visto coinvolte ben sette scuole primarie (Tivoli V di Tivoli Terme, Tivoli III con i plessi di Villa Adriana e Campolimpido, Tivoli II con i plessi “I. Giordani” e Bivio San Polo, Tivoli I con i plessi “Sandro Pertini” e “Don Nello Del Raso”, Scuola Bilingue “Taddei”, Scuola “San Francesco di Sales” di Villa Adriana e Convitto Nazionale “Amedeo di Savoia”), con 19 classi e 376 alunni.

Francesco Bulgarini nacque a Tivoli nel 1801, da nobile ed antica famiglia. Fu storico, Gonfaloniere di Tivoli e Consigliere comunale. Morì nel 1887.

Scrisse l’importante opera “Notizie storiche, antiquarie, statistiche ed agronomiche intorno all’antichissima città di Tivoli e suo territorio, con carta topografica”, Tipografia Giovanni Battista Zampi, Roma 1848, oltre a numerosi altri testi.

LEGGI ANCHE  Il testamento di Angela: “Fate la vostra parte”

Molto sensibile all’istruzione dei giovani sulla storia patria, con atto del notaio e cancelliere vescovile Pietro Serbucci, il 15 gennaio 1856 donò ai religiosi delle «Scuole Cristiane» un censo di 240 scudi, con rendita di 12 scudi all’anno, allo scopo di assegnare medaglie d’argento e di bronzo ai giovani che maggiormente si fossero distinti nello studio di un compendio di storia patria.

Nel 1878 il censo passò al Comune di Tivoli e la prima premiazione avvenne il 13 agosto 1879. Era nato ufficialmente il «Premio Bulgarini» per la Storia di Tivoli. Le premiazioni ebbero luogo sino all’anno 1914, inizio della Prima guerra mondiale, senza essere più riprese. Nel 1953-54 il cav. Alfredo Bulgarini, erede dello storico Francesco, coadiuvato dai dirigenti della Società Tiburtina di Storia e d’Arte, riprese l’antica tradizione e rinnovò l’impegno e la partecipazione allo svolgimento del «Premio Bulgarini».

LEGGI ANCHE  ‘Domenica al Museo’, il 7 agosto ingresso gratuito: ecco in quali siti

Il premio sulla storia di Tivoli fu perciò rivolto agli alunni delle classi quinte delle scuole elementari del territorio comunale e bandito ogni anno, sino agli inizi degli anni Settanta. Poi fu di nuovo interrotto.

Nell’anno 2019 gli eredi della Famiglia Bulgarini, con la collaborazione della Società Tiburtina di Storia e d’Arte, hanno inteso ripristinare questo storico progetto educativo e formativo a beneficio delle ragazze e ragazzi delle classi quinte delle scuole primarie del territorio comunale di Tivoli, ritenendo di fondamentale rilevanza il coinvolgimento delle nuove generazioni tiburtine e delle loro famiglie, in modo da alimentare nuovamente la conoscenza, l’orgoglio e la passione per la città e la sua storia.

Tutti gli alunni partecipanti riceveranno il diploma nominativo di «Sostenitore del patrimonio storico, artistico e naturale di Tivoli», mentre i 38 alunni vincitori riceveranno medaglie d’argento o di bronzo, coniate come la medaglia originale dell’altro secolo.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.