GUIDONIA – Multe agli spericolati, 20 mila euro per noleggiare l’autovelox mobile

Dopo il noleggio della jeep, l’amministrazione Lombardo approva l’utilizzo per sei mesi del dispositivo "Autoscan Speed" da parte della Polizia Locale

Si chiama “Scout Speed”, è un rilevatore di velocità di ultima generazione dal costo non indifferente di 47 mila euro. Fu installato per la prima volta sulle auto della Polizia Locale un anno fa dall’amministrazione pentastellata di Guidonia Montecelio.

Oggi l’amministrazione “civica” del sindaco Mauro Lombardo ha deciso di seguire la stessa linea a dichiarare guerra a chi ha scambiato le strade cittadine per un circuito di Formula 1 superando il limite dei 50 chilometri orari, ma utilizzando l’autovelox sulle strade della Città dell’Aria.

E’ quanto emerge dalla determina numero 45 – CLICCA E LEGGI LA DETERMINA - firmata il primo settembre dal comandante dei vigili urbani Paolo Rossi. Con l’atto viene affidato alla “Maggioli Spa” il noleggio per sei mesi ad un importo complessivo di 19 mila 983 euro e 60 centesimi del dispositivo “Autoscan Speed”, autovelox tradizionale da installare sulle arterie più trafficate lungo le quali è più facile “pizzicare” il “Niki Lauda” di turno.

LEGGI ANCHE  Capo dello Stato eletto dai cittadini, presentato il Ddl “Stati Uniti d’Italia”

Allo stesso tempo con lo “Scout Speed” alle pattuglie della Polizia Locale sarà sufficiente transitare lungo le strade del territorio per poter controllare la velocità delle auto sulla carreggiata in ambo i sensi di marcia, in circolazione davanti o dietro la vettura dei vigili urbani, “pizzicare” quelle in divieto di sosta e addirittura verificare in tempo reale la regolarità di revisioni e assicurazioni dei veicoli in circolazione e dei documenti del proprietario.

Le strade interessate dai controlli sono: via Palombarese (tratto urbano di Marco Simone), Via Longarina, Via delle Gerbere, Via delle Genziane, Via Gualandi, Via di Trani, Via Trento, Via Roma (tratto urbano di Colle Fiorito) e Via Casal Bianco (tratto urbano di Colle Fiorito).

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Inviolata, le falde della discarica sono sempre inquinate

Il primo utilizzo dello “Scout Speed” risale a settembre 2021 – LEGGI L’ARTICOLO -, ma fin da subito ha suscitato non poche polemiche.

In particolare scatenò un vandalo che tra ottobre 2021 e gennaio 2022 ha sabotato i cartelli del limite di velocità a 50 chilometri orari in via Longarina nell’area delle cave, via Trento a Villalba, via Di Trani a Guidonia Centro e via delle Gerbere nella zona de La Sorgente a Colle Fiorito (LEGGI L’ARTICOLO).

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.