MORLUPO – La Coldiretti regala 700 piantine di ulivo per la scuola

Una per ogni studente: ognuno di loro ne avrà cura. Festa a scuola col sindaco

Settecento piantine di ulivo sono state donate da Coldiretti Lazio all’Istituto Comprensivo “Falcone e Borsellino” di Morlupo. Una per ogni studente. Ognuno di loro ne avrà cura. A consegnarle agli studenti, ieri mattina, il sindaco, Ettore Iacomussi che ha ringraziato la federazione regionale di Coldiretti e il suo presidente, Davide Granieri.

Tanto l’entusiasmo dei bambini per questa inaspettata sorpresa. “Lapianta è un essere vivente e mi auguro che i nostri ragazzi accudendola, possano imparare a prendersi cura dell’ambiente. La piantina crescerà con loro, diverrà un albero quando saranno grandi e ne potranno raccogliere i frutti – ha detto il sindaco Iacomussi – La mia speranza è che i bambini e i ragazzi possano appassionarsi particolarmente alla natura e magari un domani possano sviluppare il proprio futuro proprio nel campo dell’olivicoltura“.

Questo è un progetto a cui teniamo particolarmente – ha spiegato per la Coldiretti  Granieri – pensiamo che sia fondamentale sensibilizzare le nuove generazione su temi fondamentali, come il rispetto per l’ambiente, la cura del territorio e l’importanza dell’agricoltura, ma anche quelli legati ad una corretta alimentazione e l’olio ne è parte integrante. Siamo centri che gli studenti avranno cura delle piantine di ulivo che hanno ricevuto e questo contribuirà a sviluppare una maggiore attenzione a tutti questi aspetti”.

 

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Monopattini elettrici, blitz nel deposito di batterie rubate: 5 romeni denunciati

La scelta dell’ulivo, simbolo di pace, vuole rappresentare la speranza di un cambiamento – ha concluso Granieri – e generare fiducia nel futuro. Un futuro che potrebbe vedere proprio questi bambini interessarsi al mondo agricolo. E diventarne protagonisti. Stiamo investendo molto come Coldiretti nella formazione e lo facciamo in maniera sempre più strutturata. Di recente abbiamo lanciato in collaborazione con Unaprol, anche una nuova figura professionale: l’Evologo.

Una novità assoluta nel panorama formativo, che da un lato è volta a valorizzare e promuovere la filiera olivicola, dall’altro a creare nuovi posti di lavoro. Abbiamo, inoltre, fondato la prima Scuola nazionale dell’olio extravergine d’oliva Evoo School Italia, promossa da Unaprol, Coldiretti e Campagna Amica”.

LEGGI ANCHE  Poste Italiane, in pagamento dal primo dicembre pensioni e tredicesime

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.