TIVOLI – Elezioni, le Sezioni trasferite altrove ma i cittadini non lo sanno: c’era scritto sul sito

Disagi segnalati alla redazione

Si sono presentati all’indirizzo indicato sulla scheda elettorale, ma solo allora hanno scoperto che il seggio era stato spostato altrove.

Ieri, sabato 8 giugno, è stata una giornata di disagi per centinaia di elettori di Tivoli, dove sono in corso le elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale e per scegliere l’erede del sindaco uscente Giuseppe Proietti (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

La segnalazione alla redazione del quotidiano on line della Città del Nordest Tiburno.Tv arriva da alcuni residenti tra piazza Plebiscito, via Sante Viola e la zona del Duomo, nel Centro storico di Tivoli.

Residenti che da 5 anni, da quando cioè nel 2019 è stata chiusa la scuola “Sandro Pertini” di via del Collegio, hanno sempre votato alle Sezioni elettorali 1, 14 e 15 nel plesso scolastico “Baccelli” di Via dei Pini numero 19.

LEGGI ANCHE  CASTEL MADAMA - Musica, sfilate e degustazioni: c'è la Sagra della Pera Spadona

“Anche alle elezioni Regionali del 2023 abbiamo votato in via dei Pini – si sfoga un lettore al telefono – Ieri abbiamo preso la macchina e raggiunto la scuola, ma per votare siamo dovuti tornare indietro”.

Sì, perché lo scorso 13 marzo il sindaco Giuseppe Proietti ha variato il luogo di riunione degli elettori delle Sezioni 1, 14 e 15 al plesso scolastico di Via Colsereno numero 107 per facilitare gli elettori residenti nel Centro storico di Tivoli che dal 2019 erano costretti a un disagio non indifferente, considerata la distanza del plesso Baccelli dalle abitazioni ubicate nel Centro storico.

La decisione, naturalmente, era stata pubblicata sul sito del Comune di Tivoli (CLICCA E LEGGI LA COMUNICAZIONE).

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Assalto al bar in via Palombarese, la banda dei maldestri ancora a segno

“In Centro – prosegue il lettore al telefono – vivono tante persone anziane che non leggono il sito: visto che erano soltanto tre Sezioni, non sarebbe stata più efficace una lettera agli interessati?”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.