Subiaco – Ospedale, arriva l’anestetista h24: garantiti servizi di emergenza e urgenza

Un successo importante per la struttura sanitaria principale della Valle dell’Aniene che arriva dopo la decisione di trasferire il reparto di Rianimazione a Colleferro. Proprio questa scelta aveva costretto il sindaco Francesco Pelliccia a diffidare formalmente Asl e Regione affinché fosse garantita – a fronte del trasferimento – la presenza della figura del rianimatore h24 con relativa strumentazione idonea per far fronte alle emergenze ed urgenze mediche e chirurgiche.
“Su questo punto non intendiamo minimamente prescindere – aveva detto il sindaco all’uscita dall’incontro -. Abbiamo ottenuto un ospedale da 50 posti letto che per essere tale deve garantire al 100% le emergenze. La presenza del rianimatore h24 con relativa strumentazione idonea per l’emergenza è fondamentale ed è sempre stato un caposaldo della nostra battaglia”.
A fronte della riunione, nella giornata di lunedì 11 maggio è finalmente arrivata la comunicazione ufficiale a firma del Direttore Generale della Asl RmG, Giuseppe Caroli.

 

Le apparecchiature in arrivo
Nella comunicazione il direttore specifica che sta provvedendo ad ottemperare “ad assicurare la presenza h24 di una guardia anestesiologica all’interno dell’ospedale di Subiaco, anche in assenza del reparto di terapia intensiva.
Sono state inoltre rese disponibili per le emergenze-urgenze in pronto soccorso le seguenti apparecchiature: centrale di monitoraggio con telemetria per il controllo anche a distanza dei principali parametri vitali (frequenza cardiaca, pressione arteriosa, frequenza respiratoria e saturazione periferica in ossigeno) in collegamento con tre monitor; presidi per ventilazione non invasiva; presidi per ventilazione invasiva comprendenti un ventilatore di emergenza alimentato da una fonte di ossigeno senza alimentazione elettrica e pertanto adatto anche agli spostamenti, e un ventilatore a tecnologia avanzata anch’esso adatto a situazioni di emergenza, di dimensioni contenute e dotato di carrello per il trasporto in qualsiasi unità operativa.

 

Acqui: “Ora possibile trattamento per pazienti che rischiano la vita”
“La presenza di un anestesista 24 ore su 24 – ha commentato il consigliere con delega alla sanità Michele Acqui – con la possibilità di un monitoraggio continuo delle funzioni vitali e con l’attrezzatura idonea per garantire un ottimale terapia di situazioni critiche cardio-respiratorie, permette un efficace trattamento di quelle situazioni cliniche che pongono un paziente a rischio di vita. Garantisce quindi l’emergenza-urgenza nel pronto soccorso del nosocomio sublacense, da sempre richiesta dall’amministrazione comunale e dal comitato per la salvaguardia dell’ospedale. Molto opportuna in questo contesto, come segnalato dal direttore generale della Asl, anche la possibilità di trattamento del dolore acuto con tecniche legate strettamente alla presenza 24 ore su 24 dell’anestesista”.

 

Lunga degenza attiva prima dell’estate
Un’altra buona notizia arriva per la lungo degenza che prevede 10 posti letto come da decreto 368/14. Essa verrà attivata “prima dell’estate”, si legge nella lettera del Direttore Generale al Sindaco Pelliccia, il quale ha chiesto, in virtù delle nuove funzioni di prossima attivazione, uno stop alle mobilità di personale.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI – Ospedale, 365 mila euro per manutenere la prevenzione incendi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.