Sant’Angelo Romano, un mese senza acqua in casa

A pagare il disservizio una famiglia di via Palombarese

Ester Fiorentino: ”Riusciamo a recuperare qualche secchio solo di notte”

 

Venticinque giorni senza acqua in casa. A pagare il disservizio a Sant’Angelo Romano la famiglia di Ester Fiorentino, una sessantenne titolare di un banco di frutta e verdura a Roma. Nella sua villetta dove vive, in via Palombarese, infatti, da quasi un mese non arriva acqua. I rubinetti restano asciutti tutto il giorno. ”Solo la notte tra le tre e le cinque arriva un filo d’acqua, quindi devo restare in piedi per cercare di recuperarne qualche secchio”, spiega la signora Fiorentino. ”La bolletta dell’acqua”, aggiunge, ”è intestata a mia figlia Martina Pavini, e i pagamenti ovviamente sono regolari. Il servizio no, però. Anzi finora non abbiamo avuto risposte da parte del Comune nonostante i ripetuti solleciti”. ”Mia madre ha novant’anni e viveva con me da tempo”, chiarisce ancora, ”L’ho dovuta far trasferire. Nel frattempo ci docciamo coi secchi in giardino”.

LEGGI ANCHE   Tivoli, si barrica in casa con 5 persone. Arrestato tossicodipendente

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *