Villa Adriana, il primo sito Unesco di Tivoli

Dalla Regione fondi per il turismo di Tivoli e della Valle dell’Aniene

Dalla Regione fondi per rilanciare il turismo di Tivoli e della Valle dell'Aniene. Il progetto unisce comuni, enti pubblici e privati.

In arrivo per il turismo di Tivoli e della Valle dell’Aniene un assegno da 120 mila euro. Finanziato dalla Regione il progetto Strada-Dmo Tivoli e Valle dell’Aniene che vede l’amministrazione tiburtina capofila di altri 11 Comuni del comprensorio; l’istituto autonomo Villa Adriana-Villa D’Este; il parco dei Monti Lucretili e la riserva naturale Monte Catillo. I soggetti privati sono, invece, 21 tra associazioni e imprese.

Villa d'Este, uno dei due siti Unesco di Tivoli
Villa d’Este, uno dei due siti Unesco di Tivoli

Il progetto ha lo scopo di porre le basi per la costituzione di un’associazione con compiti di “destination management organization” (Dmo). Una volta costituita, l’associazione dovrà, tra le altre azioni: avviare un centro di coworking turistico; creare un portale turistico interattivo; avviare un info-point territoriale; produrre mini contenuti in mixed reality. La Dmo sarà responsabile del management e del marketing del territorio puntando, per esempio, a sviluppare e promuovere il territorio e a valorizzare il patrimonio dei beni culturali, avviare processi in grado di migliorare il livello di accoglienza e l’immagine del territorio e creare nuova occupazione nel settore turistico. L’ambito territoriale di riferimento è quello della Valle dell’Aniene e dei Monti Simbruini, mentre gli ambiti individuati sono relativi, in modo particolare, al turismo culturale e identitario, a quello fuori porta e al turismo legato ai temi della salute, dell’enogastronomia e del turismo rurale.

DAL COMUNE DI TIVOLI

Nello Rondoni, assessore con delega ai Bandi e ai finanziamenti del comune di Tivoli

“C’è stata una grande lungimiranza da parte dei sindaci della Valle dell’Aniene, delle associazioni territoriali, dell’Istituto autonomo Villa d’Este e Villa Adriana, del Fai, dei parchi che hanno aderito al progetto. Rivolgo un profondo ringraziamento a tutte le persone che hanno lavorato per la sua realizzazione – dice l’assessore con delega ai Bandi e ai finanziamenti Nello Rondoni –. Un ringraziamento particolare al consigliere per la promozione turistica Cavallo, e a tutto lo staff del Comune impegnato in questa avventura. Permettetemi di elogiare anche l’ufficio “Europa”. È la bella conclusione di un percorso di programmazione e di progettazione che ha coinvolto i tanti operatori turistici, culturali, istituzionali dell’ambito territoriale di riferimento attraverso incontri, interlocuzioni, condivisione delle strategie, sino alle lettere d’intenti con cui si aderisce alla proposta progettuale. Un’esperienza che dimostra che “l’unione fa la forza”, ma ora occorre mettersi a lavoro per trasformare il progetto in realtà. Primo passo: costituire un’associazione, sul cui statuto stiamo lavorando”.

 

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Anche i docenti chiedono maggiore sicurezza e vogliono la DAD

 

 

 

Giovanni Cavallo consigliere comunale incaricato dal sindaco al Management turistico di Tivoli

“La proposta che abbiamo presentato è stata approvata dalla Giunta comunale il 7 aprile e prende le mosse dalla consapevolezza dell’importanza che la valorizzazione e la “messa a sistema” dell’intero comparto turistico hanno per il rilancio economico e sociale, soprattutto dopo la crisi provocata dall’emergenza sanitaria. Un cambio di passo che non può prescindere dal coinvolgere l’intero territorio con il quale Tivoli dialoga per vicinanza, per storia e per cultura – aggiunge il consigliere comunale incaricato dal sindaco al Management turistico Giovanni Cavallo –. Di qui il nostro obiettivo di avviare un processo per la formazione di un’idea organica della “destinazione turistica”, che contempli un’area vasta, composta da una molteplicità di territori e di peculiarità attrattive. Il vero punto di forza di questo progetto è stato il percorso condiviso con tutte le associazioni, gli operatori della filiera turistica e i portatori d’interesse. Ringrazio, perciò, oltre agli uffici del Comune di Tivoli anche tutti i Comuni e i soggetti che ci hanno creduto. Auspichiamo – una volta costituita l’associazione – che molti altri enti e soggetti privati vogliano aderire al nostro progetto”.

 

LEGGI ANCHE  POLI - Ancora problemi per i lavoratori di Villa Luana

 

 

Tivoli, la rivoluzione del biglietto unico per le Villae

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *