Italiani, popolo di ciclisti

Oltre 10 milioni di appassionati. Boom di ebike

Previsioni rosee

Gli italiani si confermano popolo di ciclisti: l’anno scorso, complice il bonus, il mercato ha superato la soglia dei due milioni di pezzi venduti, con una crescita del 17% che avrebbe potuto essere più consistente se ci fossero stati più mezzi a due ruote da immettere sul mercato. Oggi, a fare la differenza è il segmento ebike e mobilità sostenibile. Quanto al pubblico, circa il 50% delle vendite è monopolizzato da 10,7 milioni di appassionati, di cui quattro milioni praticanti amatoriali.

Con una filiera di circa 2.900 imprese con 17mila dipendenti per un valore pari a 9 miliardi di euro, il settore vede davanti a sé un futuro piuttosto roseo: un’azienda su due ipotizza un aumento dei ricavi nel biennio 2021-22.

LEGGI ANCHE  Niente privacy nella lotta all'evasione fiscale

Le stime parlano chiaro: ogni mille bici prodotte creano 3-5 posti di lavoro, tra diretti e indiretti, che salgono a 6-9 nel caso delle ebike: per il 2025 la pedalata assistita raddoppierà da 4,5 a 10 milioni di utenti mentre la bici tradizionale registrerà una contrazione da 17,5 a 14-15 milioni.

La crescita vertiginosa della domanda ha dovuto però fare i conti con la filiera produttiva incentrata su componenti che arrivano in prevalenza dall’Asia. Per questo i grandi marchi italiani hanno iniziato a guardare a diverse Pmi nazionali a carattere più artigianale in grado di fornire componenti a prezzi concorrenziali in tempi ragionevoli.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *