GUIDONIA – Nel terreno comunale affittato, riciclaggio di ferro e moto rubate

Blitz della Polizia Provinciale e degli agenti del Commissariato di Tivoli nell’area pubblica concessa in locazione ad un imprenditore egiziano. Scoperto un commercio abusivo di rottami e scooter con matricola abrasa: tre denunciati e sequestro del terreno per la quarta volta. E l’amministrazione non controlla e tace

Nell’arco degli ultimi quattro anni è stato sequestrato tre volte perché trasformato in una discarica di cassette di legno di frutta e verdura. E in un caso sono stati addirittura pizzicati due piromani a bruciare rifiuti. Eppure su quel terreno si continuano a commettere reati alla luce del sole.

Non è un terreno qualsiasi quello al civico 62 di via Forlanini nell’area industriale di Tavernelle, è un terreno pubblico di 3.670 metri quadri che il Comune di Guidonia Montecelio ha regolarmente affittato per un canone annuo di 3.898 euro e 38 centesimi a un 43enne egiziano residente a Villalba già titolare di una ditta di import ed export.

LEGGI ANCHE  Gestione di sinistri auto con anticipo zero? Alla carrozzeria f.lli Bontempi è assicurato

L’imprenditore è finito di nuovo nei guai nell’ambito di un’operazione congiunta da parte della Polizia Locale della Città Metropolitana di Roma del distaccamento di Villa Adriana e degli agenti del Commissariato di Tivoli che hanno scoperto un “giro” di rottami e motorini di provenienza sospetta pronti per essere esportati in Africa. Così gli agenti lo hanno denunciato per gestione illecita di rifiuti pericolosi e non pericolosi, mentre i poliziotti hanno denunciato per riciclaggio altri due cittadini africani, un 25enne del Burkina Faso e una donna 40enne senegalese.

La Polizia Provinciale ha accertato che tutti i giorni furgoni condotti per lo più da svuotacantine abusivi italiani e rom scaricavano rifiuti ferrosi tra cui batterie di auto, reti metalliche e parti di apparecchiature elettriche: un commercio senza uno straccio di autorizzazione per cui l’area comunale è stata di nuovo sequestrata.

LEGGI ANCHE  Monterotondo più smart city, internet gratis in 11 punti della città

Gli agenti del Commissariato hanno invece sequestrato un container all’interno del quale erano stipati oltre 80 motorini, una ventina dei quali coi telai abrasi e illeggibili. Chissà se stavolta l’amministrazione Barbet rientrerà in possesso del terreno.

L’APPROFONDIMENTO SU TIBURNO IN EDICOLA DA IERI MARTEDI’ 5 OTTOBRE

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *