economiasommersa

Nel 2019 vale 203 miliardi di euro, cioè l’11,3% del Pil, l’economia “non osservata”

Ovvero l’economia che sfugge ai controlli diretti dello Stato, e si divide in economia sommersa e illegale

Nel 2019 l’economia “non osservata” vale 203 miliardi di euro, pari all’11,3% del Pil: lo rileva l’Istat che spiega come essa sia divisa in due “componenti”, ovvero l’economia sommersa, che

ammonta a poco più di 183 miliardi di euro, e quella illegale, che  supera i 19 miliardi. Sempre nell’anno citato, sono oltre 3 milioni e mezzo i lavoratori irregolari.

Tra le maggiori componenti dell’economia sommersa ci sono anche le comunicazioni fiscali volutamente sbagliate, legate anche a sotto-dichiarazioni dei costi e del fatturato, nonché l’utilizzo di lavoratori in nero e di affitti in nero. Eppure, rispetto al 2018, si nota una contrazione evidente di questa economia sommersa, più rilevante nei settori di costruzioni e professionisti. Una tendenza che, su questo versante, secondo l’Istat è iniziata da almeno 5 anni.

LEGGI ANCHE  I primi bandi del Pnrr per l’Istruzione

Tra gli elementi più consistenti dell’economia illegale, da ricordare i risaputi produzione e commercio di stupefacenti, prostituzione, contrabbando di sigarette. E se nell’economia sommersa si assiste a una diminuzione, in questo caso si segnala un aumento rispetto all’anno precedente (+174 milioni).

Ora bisognerà capire cosa è successo nel periodo Covid.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s