GUIDONIA - Furti in casa, finte assistenti derubano un’anziana

E’ accaduto giovedì mattina 13 gennaio nel Centro di Villalba, la vittima è una vedova di 78 anni: razziati 360 euro, una collana e le fedi nuziali d’oro

Si sono presentate con modi affabili e cortesi, spacciandosi per assistenti della Asl. Così hanno conquistato la fiducia della vittima e sono riuscite a farsi accogliere in casa. In realtà erano due ladre e con uno schema collaudato sono riuscite a derubare un’anziana vedova.

E’ accaduto giovedì mattina 12 gennaio a Guidonia Montecelio, nella frazione di Villalba, quartiere nei mesi scorsi tartassato dal fenomeno dei furti in casa. Stavolta nel mirino è finita un’anziana vedova di 78 anni che vive da sola in un’abitazione singola di una traversa di Corso Italia, la strada centrale di Villalba di Guidonia.

Verso le 11 del mattino le due malintenzionate hanno suonato al citofono, forse sapendo che la vittima era da sola in casa. “Siamo assistenti della Asl”, avrebbero detto le due donne in italiano da dietro il cancello e a quel punto la vedova le ha fatte accomodare. Una volta all’interno, è scattato il piano: mentre una distraeva la vittima, l’altra faceva razzia.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - “Olivieri”, la Segreteria scolastica resta ospite a Campolimpido

Solo quando le due ladre si sono dileguate la 78enne ha scoperto di essere stata raggirata e derubata di 360 euro in contanti, di una collana e delle due fedi nuziali in oro, una sua e l’altra del marito scomparso da qualche anno.

Sul caso indaga la Polizia di Stato.

Già a maggio 2021 a Villalba di Guidonia si erano registrati furti in appartamento e tentativi. Nella mattinata di giovedì 20 maggio, nella zona dei Villini a pochi isolati di distanza dalla casa bassa dell’anziana vedova, un uomo e una donna forzarono il portone della palazzina di famiglia del consigliere comunale di Forza Italia Arianna Cacioni. L’amministratrice pubblica insieme alla mamma li sorpresero lungo le scale. “Mia madre – raccontò a Tiburno Arianna Cacioni – gli ha chiesto chi fossero, loro hanno risposto che cercavano una certa Lucia ma nel nostro condominio non esiste nessuna che si chiami così”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Tragedia sfiorata, toro incorna poliziotto durante l’abbattimento

Nel pomeriggio del 19 maggio 2021 due ragazze di apparente etnia rom presero di mira un condominio di via Umbria a Villalba, ma vennero filmate da una telecamera di sicurezza mentre tentavano di aprire una porta blindata utilizzando la scheda.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.