ripresacovid

La ripresa? Più forte del Covid (forse)

Per l’agenzia di rating S&P, il Covid non riuscirà a frenare la ripresa: il Pil dell’Italia crescerà ancora

Secondo le valutazioni dell’agenzia di trading Standard & Poor’s (S&P), per quanto il Covid possa espandersi, non manderà in tilt la ripresa economica a livello globale, che ci sarà. Perché il coronavirus, stimano gli analisti dell’agenzia, è molto probabile diventi endemico, cioè tutto sommato molto meno pericoloso di come si è palesato in questi due ultimi anni. A meno che, naturalmente, non sviluppi nuove forme aggressive (ma la speranza tiene in alto i cuori e le stime degli esperti).

Quindi, il Pil nel nostro paese, ad esempio, dopo il +6,4% del 2021 evidenziato dall’agenzia, continuerà a crescere, pur con rallentamenti fisiologici (e sempre però forte grazie alle risorse del Pnrr, piano nazionale di ripresa e resilienza). La stima è pari al 4,7% quest’anno, all’1,8% nel 2023 e all’1% nel 2024. Incertezze potranno arrivare dal proseguimento del caro energia che, prevede Confindustria, peserà sui conti delle aziende di circa 35 miliardi.

LEGGI ANCHE  Fa troppo caldo, scatta la cassa integrazione

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.