Guidonia, Bertucci: “Parchi, lotta alla povertà, vicinanza alle famiglie e sostenibilità: così cambieremo Guidonia

Il candidato consigliere comunale di Fratelli d'Italia presenta i suoi progetti

Un programma fatto su misura per le tante esigenze di una città fin troppo trascurata in questi anni. “E’ complicato fare il punto su quello che manca oggi a Guidonia. Di fatto manca tutto quello che occorre, in termini di servizi, per rendere una città a misura dei suoi cittadini, dei giovani, delle famiglie. Di tutti”.
E’ particolarmente preciso il quadro che Adalberto Bertucci dipinge per parlare delle sue idee per Guidonia, tutte da realizzare ma tutte fattibili. Bertucci, competenza dimostrata in ogni sua esperienza politica e professionale, conosce la città come pochi altri, ne percepisce umori e necessità. E, in vista delle imminenti elezioni amministrative, che lo vedranno nelle liste di Fratelli d’Italia, pone all’attenzione alcuni temi di grande impatto e di indubbia attualità.
“L’amministrazione attuale – spiega Bertucci – sembra non aver mai pensato a quelle che sono le necessità quotidiane di una famiglia. E dire che sono cose talmente visibili! Penso a quei genitori che escono al mattino presto per lavoro, e che per lo stesso motivo tornano nel tardo pomeriggio: ecco, per loro, è fondamentale secondo la nostra analisi pensare e realizzare un servizio di pre e post scuola da attivare in ogni istituto del Comune. Un servizio che non sia soltanto un momento di attesa prima dell’inizio delle lezioni o della loro fine, ma che invece possa essere un momento di condivisione, educazione e arricchimento per i nostri ragazzi. Penso a laboratori didattici, con particolare attenzione all’educazione digitale, penso alle lingue, e penso ad ogni altro ambito che sia attuale e necessario per la crescita degli studenti, che in questo modo potranno investire il loro tempo per ampliare il loro bagaglio esperienziale e, perché no, divertirsi”.
Un progetto che ha tutte le basi anche per essere veicolo occupazionale. “E’ ovvio che per la gestione di un servizio del genere dovranno essere coinvolti solo e soltanto ragazze e ragazzi, donne e uomini, del nostro territorio. In tanti infatti non riescono a trovare uno sbocco professionale nel settore educativo, e questa nostra idea di pre e post scuola può diventare una opportunità per tanti”.

Progetti che non potranno non avere al centro le nuove e vecchie povertà, aggravate dalla recente pandemia che tanti disastri ha fatto in questi anni. “Troppe volte stiamo sentendo le notizie relative alle difficoltà economiche delle famiglie. Ecco, una soluzione, che intendo mettere in atto una volta eletto, è quella di un potenziamento delle politiche di sostegno per i nuclei che vivono in uno stato di indigenza, andando oltre l’ordinario e stipulando una convenzione con la Fondazione Banco Alimentare Lazio, che offre le necessarie garanzie di qualità e di continuità dell’importante servizio offerto”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Basta improvvisati, per far rinascere la Città servono le competenze”

Servizi per le famiglie, ma anche idee concrete per la città. “E’ sempre valido il concetto di andare oltre quello che vediamo. E quindi tornare a progettare, in nome di uno sviluppo green e sociale che sia giusta controparte di quello economico. Ed ecco dunque l’importanza dei parchi e delle aree verdi, aree di socialità che devono tornare negli ordini del giorno, sia della politica che dei settori della pubblica amministrazione. Parchi di libera fruizione, che possano essere anche spazi per eventi culturali, dove dar spazio alle tante e lodevoli realtà del nostro territorio”.

Un panorama, quello disegnato da Bertucci, che dipinge una città moderna. “Per questo non possiamo prescindere anche da un diverso concetto di viabilità. Il mondo sta andando tutto in una certa direzione, noi non possiamo che seguire esempi di realtà virtuose. Ed ecco dunque bike sharing organizzato per tutto il territorio, colonnine di ricarica dei veicoli elettrici. Tutto in nome della sostenibilità ambientale che intendiamo rendere realtà concreta, come hanno fatto, e bene, altre realtà in Italia. Dobbiamo smettere di pensare che per Guidonia sia tutto complicato. Basta portare avanti l’obiettivo di una buona politica, vicina alle esigenze delle persone”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Bimbo rom strappato alla famiglia dalla "Pista d'Oro", Bertucci chiede chiarezza

Proposte concrete, reali e soprattutto fattibili. “Una risposta – spiega Carmela Marullo, candidata in ticket con Adalberto Bertucci – al nulla a cui siamo stati purtroppo abituati in questi ultimi cinque anni. Oltre la mera amministrazione, questo è quello che intendiamo fare insieme ad Adalberto, con il supporto di Fratelli d’Italia”.

La Marullo è particolarmente carica in vista dell’appuntamento elettorale. “Voglio farmi portavoce delle problematiche che tutti noi viviamo ogni giorno in questa nostra città così trascurata, prendendo in carico tutte le questioni che ascolto dalle tante persone che ho il privilegio di conoscere a Setteville, dove vivo, ma non solo. Intendo dare il mio contributo per realizzare tutti quei progetti che stiamo approntando insieme ad Adalberto Bertucci”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *