Tivoli ricorda il bombardamento: era il 26 maggio del 1944, più di 450 morti

Per il 78° anniversario corone per i caduti e squillo di trombe. Il ricordo del sindaco

Erano le 9,46 del 26 maggio 1944 quando aerei delle truppe alleate, quadrimotori B-25, sganciarono 88 bombe da 500 libbre (227 kg) ciascuna su Tivoli, provocando una strage. Circa trenta minuti dopo, il secondo raid. La città si ritrovò rapidamente ridotta ad un cumulo di macerie.
A tracciare il ricordo il sindaco, Giuseppe Proietti.
A morire quel tragico giorno – ricorda il sindaco – furono più di 450 persone: donne, uomini, bambini innocenti, intenti nelle loro attività quotidiane. Fu colpito quasi il 40% degli edifici civili. In un attimo Tivoli perse la chiesa di Santa Sinforosa, dedicata alla santa cittadina, quella di San Filippo e di San Giorgio. Ingenti i danni a San Biagio e a San Pietro della Carità. Fu colpito anche il Convitto Nazionale, adibito, durante l’occupazione, ad ospedale militare (fonti riportano che sul tetto della struttura fosse dipinta “una grande croce rossa”).
La missione degli alleati era finalizzata a creare blocchi stradali in località poste su alcune possibili direttrici della ritirata tedesca dal fronte di Cassino. Tra questi “nodi stradali”, rientrava anche Tivoli.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO – Al via l'Estate Eretina, in cartello ottanta appuntamenti

LA COMMEMORAZIONE

Giovedì 26 maggio, Tivoli commemora il 78° anniversario del bombardamento che ha devastato la città. Alle ore10 nelle Fontane di piazza Garibaldi, deposizione di un cuscino al monumento intitolato alle vittime.
Alle 11 al cimitero civico, deposizione di una corona e un cuscino alla memoria dei civili caduti nei bombardamenti. Tromba solista Beatrice Galli dell’Accademia Ergo Cantemus Coro ed Orchestra di Tivoli.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.