TIVOLI – Sprofonda il tombino, chiuso il varco d’accesso al Ponte della Pace

Da domani chiuso per 15 giorni l’intero ponte per i lavori delle Ferrovie. La nuova pavimentazione in legno? Nel 2023, forse

Da domani, mercoledì 6 luglio, a Tivoli Ponte della Pace chiuso dalle 7 alle ore 17 fino al 22 luglio per i lavori delle Ferrovie dello Stato.

Lo stabilisce l’ordinanza numero 205CLICCA E SCARICA L’ORDINANZA - firmata ieri dal Comandante della Polizia Locale di Tivoli Antonio D’Emilio.

Il provvedimento di chiusura temporanea al traffico veicolare e pedonale è stato adottato a seguito della richiesta da parte della “Codimar Srl”, ditta appaltatrice delle Ferrovie dello Stato, per l’esecuzione dei lavori di ricostruzione del ponticello ferroviario di viale Mazzini in prossimità dell’accesso al Ponte della Pace. L’impresa appaltatrice per i lavori di manutenzione della linea ferroviaria Roma-Sulmona dovrà ripristinare in particolare un tombino ceduto nel tratto del ponticello in muratura che dalla stazione di Tivoli conduce al Ponte della Pace.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Tmb, il Consiglio comunale dice "no" ai rifiuti di Roma

Viceversa per i lavori di restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria sul Ponte della Pace se ne riparla nel 2023, se tutto va bene.

Il 16 marzo scorso il Comune di Tivoli ha infatti revocato in autotutela l’affidamento dell’intervento alla “Ebanisteria Caputo di Cataldo e Michele Caputo” con sede a Corato in provincia di Bari che ad agosto 2021 si era aggiudicata i lavori per un importo pari a 183.494 euro e 54 centesimi.

Tuttavia la ditta non stipulò mai il contratto in quanto non trasmise la documentazione relativa agli adempimenti di sicurezza. Inutili i numerosi solleciti inviati dal Comune per l’integrazione documentale e la cantierizzazione dei lavori, inutile il botta e risposta con il legale dell’azienda, inutili le diffide. Il 25 gennaio la “Ebanisteria Caputo” ha richiesto la risoluzione e l’amministrazione comunale ha revocato l’aggiudicazione.

LEGGI ANCHE  DONNE - 300mila euro per progetti di prevenzione

A questo punto cosa succede? Semplice, il Comune dovrà espletare una nuova gara.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.