TIVOLI - Rapina un minorenne, niente processo: è irreperibile

Un 27enne romeno fa perdere le sue tracce: il Tribunale ordina le ricerche fino al 2042

Insieme a due connazionali derubò un minorenne di 10 euro e di un cellulare, ma non può essere giudicato.

E’ il caso di Adrian Nicolae F., un romeno oggi 27enne che sette anni fa rapinò una ragazzino di sedici con la complicità di altri due minori.

Mercoledì 8 marzo il Tribunale di Tivoli ha chiuso il caso con una sentenza di non luogo a procedere per mancata conoscenza del procedimento penale da parte dell’imputato.

Il Collegio presieduto da Nicola Di Grazia – a latere i giudici Sergio Umbriano e Matteo Petrolati – hanno accolto la richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Mimmo basata sull’articolo 420 Quater del codice di procedura penale che prevede una sentenza di non luogo a procedere in caso di irreperibilità, oltre alla sospensione del corso della prescrizione sino al momento in cui l’imputato sarà rintracciato, in ogni caso entro un termine non superiore al doppio dei termini di prescrizione di cui all’articolo 157.

LEGGI ANCHE  MARCELLINA - Rete idrica in manutenzione, una giornata senz'acqua

Il reato fu commesso il 30 gennaio 2016 a Zagarolo.

Quella sera Adrian Nicolae F., all’epoca 20enne, trascinò un sedicenne italiano in un vicolo e insieme a due connazionali minacciò il ragazzo facendosi consegnare soldi e telefonino.

I carabinieri individuarono gli autori, ma prima dell’inizio del processo Adrian Nicolae F. e la sua famiglia si erano trasferiti da Zagarolo a Genazzano, dopodiché si erano cancellati dall’Anagrafe rendendosi irreperibili verso una destinazione sconosciuta alle forze dell’ordine.

Fatto sta che all’apertura del dibattimento nel 2018 all’imputato non fu notificato l’avviso ed è andata avanti così per altri 5 anni con l’ordine semestrale di ricerche da parte del Tribunale.

Almeno fino a mercoledì 8 marzo, quando il Collegio ha chiuso il fascicolo con sentenza di non luogo a procedere per irreperibilità.

LEGGI ANCHE  MONTELIBRETTI - Invalida morta di stenti, il sindaco: "L’anziana non era in carico ai Servizi sociali"

Tuttavia i giudici hanno disposto la prosecuzione delle ricerche fino al 13 settembre del 2042, superata quella data il reato sarà prescritto.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.