GUIDONIA - Tmb, scatta il divieto d’accesso all’impianto rifiuti

L’Ente Parco dei Monti Lucretili installa la segnaletica. I grillini: “Aspettavamo il sindaco Lombardo con la fascia a multare i camion”

E’ un divieto previsto dalla Legge istitutiva del Parco. Un divieto che inibisce il transito su tre strade della campagna romana, una delle quali è l’unica strada d’accesso all’impianto rifiuti di Guidonia Montecelio.

Così ieri, giovedì 16 marzo, il Parco dei Monti Lucretili, l’Ente regionale che gestisce il Parco dell’Inviolata, ha installato i cartelli di divieto d’accesso in via dell’Inviolata, in via di Tor Mastorta e in via della Selciatella, la strada che dalla provinciale Casal Bianco conduce all’impianto di trattamento meccanico biologico di rifiuti.

La nuova segnaletica è stata posizionata applicando il dettame della legge istitutiva sul Parco dell’Inviolata che vieta il transito di qualunque mezzo a motore, fatta eccezione per i veicoli di servizio del parco oppure delle aziende agricole.

LEGGI ANCHE  MARCELLINA - Rifiuti sotterrati in cava, blitz notturno di 4 incappucciati

I rappresentanti del Movimento 5 Stelle di Guidonia Montecelio sembrano convinti che i divieti di accesso siano un ostacolo per l’apertura dell’impianto Tmb, per il quale il 18 gennaio scorso è iniziata la fase di start-up con la messa a punto dei macchinari e il trattamento dei primi rifiuti provenienti dalla Città di Roma (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Oggi – scrivono i rappresentanti del Movimento 5 Stelle di Guidonia Montecelioci saremmo aspettati di vedere in via dell’Inviolata il Sindaco Lombardo con tanto di fascia accompagnato dalla Polizia Locale per difendere la città e far rispettare il divieto d’accesso ai camion di immondizia di Gualtieri, ma evidentemente passare dalle parole ai fatti quando si parla di lotta al TMB è impossibile per l’amministrazione guidoniana.

Sono lontani purtroppo i tempi nei quali la Giunta M5S non aspettava niente e nessuno e emetteva provvedimenti concreti a protezione del territorio. Eppure sarebbe stato facile, esiste un divieto, un cartello, una legge regionale ben citata al suo interno, un Parco ed un ambiente da proteggere.

I cittadini di Guidonia Montecelio si aspettano risposte rapide ed efficaci da parte dell’Amministrazione del sindaco Lombardo per contrastare lo scempio ambientale perpetrato ogni giorno”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.