Polentata e tombolata, Camerata Nuova in festa

Il saluto al vecchio anno in piazza: ecco quando

Una tombolata preceduta da una polentata. Ultimo tuffo nel Natale e tanta voglia di salutare il 2024 a Camerata Nuova.

Nel piccolo paese del Parco Naturale dei Monti Simbruini domenica 30 dicembre sarà festa. La Pro Loco organizza la “Polentata e Tombolata di Natale”.

A partire dalla 12.30 polenta fumante in piazza. Dal primo pomeriggio poi si giocherà a tombola. Ricchi i premi in palio.

Potrebbe essere la giusta occasione per conoscere questo tipico paesino laziale, non lontano da Tivoli.

Camerata Vecchia, il paese che non c’è più

La nascita di Camerata (Vecchia) si attesta intorno all’anno 900-960 d.C. Costruita sulla sommità di un promontorio roccioso (1250 mt slm), il castello di Camerata era circondato da imponenti mura,  fino al 1859, anno in cui il paese venne distrutto da un violento incendio, per poi essere ricostruito con il nome di Camerata Nuova.

LEGGI ANCHE  Crolla il soffitto del terrazzo, anziana muore sotto le macerie

Il suo territorio è compreso nel Parco Naturale dei Monti Simbruini: tra la valle di Fioio, il Monte Autore ed il fondo della Femmina Morta c’è la possibilità di percorrere numerosi sentieri a piedi e a cavallo, e di praticare sci di fondo nei pressi del grande piano carsico di Camposecco.

Meta di pellegrinaggi è il Santuario della Madonna delle Grazie e nella parrocchiale di Santa Maria Assunta è conservata una statua lignea della Madonna salvata dall’incendio di Camerata Vecchia.

Camerata Nuova è anche famosa per i suoi “arcari”, maestri artigiani del legno dediti alla costruzione delle arche, caratteristiche cassapanche in legno di faggio.

Siti di interesse

Ruderi di Camerata Vecchia. Dal paese è possibile visitare i ruderi di Camerata Vecchia che sorgono su una rupe calcarea posta al margine più orientale di un lungo costone la cui parte sommitale coincide con il Monte Camposecco.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Contatori scaricati in strada, individuato il furgone dello "zozzone"

Visitando questi luoghi si resta affascinati dalla vista delle antiche mura ma nel contempo si può rimanere confusi nel sapere che solo un secolo e mezzo fa lì viveva gente, artigiani, contadini e pastori, costretta ad abbandonare il paese natio per ricominciare di nuovo.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.