MONTEROTONDO – Giorno della Memoria, Italo Arcuri presenta “Memme Bevilatte salvata da Teresa”

Nel libro il giornalista racconta la storia di salvezza di otto ebrei, avvenuta a Riano

Sabato 27 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria, a Monterotondo, alle ore 18, presso la libreria Ubik, in Via Adige 2A, sarà presentato “Memme Bevilatte salvata da Teresa” dal giornalista e scrittore Italo Arcuri, edito da EMiA Edizioni.

Il libro racconta una piccola grande storia che si svolge tra l’ottobre del 1943 ed il giugno del 1944, a Riano, in provincia di Roma. I fatti che si narrano si intrecciano a doppia mandata con gli accadimenti più recenti dell’Italia e del mondo e si sviluppano dal 1924 al 1944: il fascismo, il nazismo, la seconda guerra mondiale, le leggi e le persecuzioni razziali, la liberazione.

La narrazione delle vicissitudini di Memme Bevilatte e di Teresa si collegano con la Storia e con la cronaca impassibile e fredda dell’Italia fascista. I personaggi sono la summa di un solo ed unico destino: un raro caso di protezione, riscatto e salvezza reciproci. Una sintesi a cui è toccata in sorte la borraccia della sopravvivenza, materiale e spirituale.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Cartiere, la Regione sospende lo stabilimento: "Sostanze altamente inquinanti scaricate nel fiume"

A dialogare con l’autore sarà Valerio Rossi, giovane studente universitario di Lettere, attento, scrupoloso e appassionato “studioso” di vita sociale. Sarà un dialogo sul libro e sull’importanza della Memoria, che è materia viva. Così reale da interrogarci e inquietarci costantemente in questo nostro complicato e difficile tempo.
Leggeranno brani tratti dal libro Filomena Scipioni, Nino Scardino e Nicole Ferrario. Le loro voci, attraverso la lettura delle testimonianze riportate nel testo, ci aiuteranno a capire meglio e di più cos’è stata la Shoah.
A musicare il pomeriggio sarà la virtuosa chitarra elettrica di Gian Nicola Belcastro.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.