Fiano Romano – Moto investe bimbo che attraversa la strada, muore Marco Rotilio

100 2804Marcolino era insieme al papà Maurizio Rotilio: i due. giovedì 14 luglio 2011, stavano attraversando la strada, sotto via Guido Rossa, a pochi metri da casa, all’incrocio con via Carlo Alberto Dalla Chiesa, nei pressi di via Tiberina, quando è sopraggiunto all’improvviso lo scooter che l’ha travolto. Il bimbo è arrivato in elicottero al Gemelli in gravissime condizioni. Una tragedia in via Guido Rossa, nella zona nuova di Fiano. Marco è stato sbalzato sull’asfalto dalla moto guidata dal 17enne, denunciato a piede libero alla Procura minorile di Roma per “omicidio colposo”. Nell’impatto anche il motociclista è finito in terra, riportando qualche escoriazione. Appena s’è rialzato, erano le 14,30, non ha tentato di fuggire. Il ragazzo fermato dai carabinieri guidava uno scooter 125 senza patentino e di proprietà del padre. “Oddio che è successo”, avrebbe dichiarato il minorenne ai militari della Compagnia di Monterotondo. E’ stato denunciato anche per lesioni gravi.
Nel frattempo dall’elisoccorso i medici rassicuravano i genitori di Marco che stava lottando tra la vita e la morte. Sembrava farcela. Dopo l’intervento chirurgico la mamma ha abbracciato i medici tra le lacrime, insieme agli altri familiari nel reparto di terapia intensiva Pediatrica del Gemelli. Erano tutti lì, fuori dalla sala operatoria, ad aspettare l’unica notizia che volevano sentirsi dare. E che è arrivata intorno alle 20, al termine di una complicatissima operazione alla testa.
“L’intervento è riuscito – hanno rassicurato subito i medici di Roma – Servirà qualche tempo per la riabilitazione”. Il peggio sembrava essere passato, quindi il pianto liberatorio della mamma di Marco. Poi il dramma con la situazione degenerata. I pensieri sono tutti per Marco, scorrono prepotenti i ricordi: “Giocava sempre tranquillo, la mia unica preoccupazione era che non litigasse per i giochi con la sorellina Asia, che stupida”, parla a voce alta mamma Giorgia. “Marco, un angelo volato in cielo”, la scritta su una letterina accanto ai fiori.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI - Cartiere, la Procura dissequestra gli impianti: si riaccendono le speranze per i lavoratori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.