Guidonia – La grata non c’è e l’allarme non suona: ancora vandali alla scuola Don Milani

La ricostruzione del raid vandalico

danni don milani 9 danni don milani 5
Le finestre da dove si sono introdotti i vandali Per lavorare più tranquilli hanno distrutto l’allarme

Ignoti nella notte si sono introdotti nell’edificio forzando una delle finestre a bocca di lupo del bagno delle studentesse al piano terra. Una volta raggiunto l’interno della scuola hanno distrutto il sistema di allarme mettendolo fuori uso, e hanno preso di mira arredi e quant’altro capitava sotto mano mettendo tutto a soqquadro.

danni don milani 1 danni don milani 7
 Le macchinette distrutte  L’ufficio della preside devastato


Nel mirino dei vandali l’ufficio della preside Giuseppina Guarnuto tra scrivanie e mobili ribaltati, armadi fracassati e documenti vari sparsi in ogni angolo della stanza.
Danni anche nella sala professori, nel bagno del personale e lungo i corridoi dove sono stati aperti e saccheggiati i distributori di snack, rubando l’incasso in monete. Sfondati con gli estintori i vetri del portone all’entrata. 

danni don milani danni don milani 8
Esintori usati per sfondare i vetri L’ingresso della scuola dall’esterno

Da quanto appreso i vandali non hanno portato via computer o oggetti di valore.
Solo poche settimane fa, esattamente lo scorso 31 marzo, era stata denunciata un’altra intrusione “fotocopia” nella stessa scuola. Anche in quell’occasione i vandali erano penetrati all’interno passando dalle stesse finestre del bagno femminile a piano terra.

danni don milani 6 danni don milani 10
I bagni del personale messi a soqquadro La sala professori

Sul posto sono arrivati i Carabinieri che stanno indagando sull’accaduto. 
Gli alunni sono potuti entrare poi a scuola, con circa un’ora di ritardo, entrando però dal retro del plesso, mentre la 4A è stata costretta a sistemarsi in teatro visto le condizioni dell’aula. Nella notte tra mercoledì e giovedì 16 aprile l’istituto si era allagato per la rottura di un flessibile del bagno, in quel caso l’allarme era scattato. Cosa che non è avvenuta durante l’incursione della scorsa notte e la precedente di fine marzo.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Azione Cattolica Diocesana, eletti i nuovi consiglieri

 

LEGGI ANCHE Guidonia – Vandali nella scuola dell’assessore: devastano aule e svaligiano distributori di merendine

 

 L’intervento del Comune

“Pronti all’acquisto di apparecchiature elettroniche per il monitoraggio delle scuole, dispositivi che fungano da deterrente contro atti di natura vandalica come quelli che si sono verificati la notte scorsa nell’istituto Don Milani di Guidonia” il neo assessore al Demanio e patrimonio, Valentina Torresi, già nei prossimi giorni darà indirizzo agli uffici di acquisire preventivi al fine di calcolare la somma necessaria all’investimento, al vaglio dell’assessorato anche la installazione, laddove possibile, di grate in ferro antieffrazione. Non è la prima volta che la scuola in questione, ma casi analoghi hanno interessato anche altri istituti, viene presa di mira da vandali che dopo essersi introdotti all’interno del plesso distruggono quanto si trovano davanti”. Il consigliere Marco Bertucci, presente sul posto: “Occorre un deterrente a questi atti di microcriminalità che rischiano di destabilizzare una istituzione civile come quella scolastica. Oggi, oltre alla mia solidarietà al corpo docente e a tutti i dipendenti del plesso Don Milani, va il ringraziamento all’Arma dei carabinieri per il sollecito intervento”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.