TIVOLI – Ospedale, in Rianimazione posti letto dimezzati: la Lega interroga

Daniele Giannini chiede chiarimenti al presidente Zingaretti e all'assessore D'amato

Perché dei dieci posti previsti dai lavori di rifacimento per il reparto di rianimazione di Tivoli, al momento ne sono attivi solamente quattro? Perché è stato deciso di rifare il pavimento del reparto in un momento di crisi sanitaria, costringendo l’ospedale a spostare la Rianimazione vicino all’Emodinamica, creando una situazione favorevole al rischio dell’aumento dei contagi?
Queste sono le domande poste dal consigliere regionale della Lega Daniele Giannini in un’interrogazione presentata il 4 novembre al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e all’assessore per la Sanità Alessio D’Amato.
Il leghista esprime perplessità riguardo il rifacimento del reparto di rianimazione dell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli e chiede perché la ASL RM5 abbia deciso di avviare lavori di ristrutturazione ed ampliamento in un momento tanto delicato per la sanità nazionale, portando il reparto ad essere spostato promiscuamente al servizio di Emodinamica rischiando contagi, e promettendo di aumentare i posti letto per i degenti, ma avendo l’esatto opposto.
Secondo Giannini, la Rianimazione di Tivoli avrebbe dovuto prevedere una disponibilità di dieci posti letto al posto dei sei originari, ma a seguito dei lavori soltanto quattro sono attualmente attivi. (Em. Lan.)
Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI - Sul bus a mano armata, panico tra i passeggeri: denunciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *