Continua l’attività di rimozione dei relitti nelle acque del Tevere

I lavori si sono ora spostati nel tratto urbano del fiume Tevere

Lo scorso 5 novembre, si è dato avvio alla rimozione di 5 relitti nel Comune di Fiumicino, individuati dalla Capitaneria di porto come prioritari ai fini della salvaguardia ambientale e della tutela della navigazione, grazie una stretta collaborazione interistituzionale tra la Regione Lazio, il Comune di Fiumicino e la Procura di Civitavecchia che ha portato, già la scorsa settimana, alla conclusione con successo  delle attività previste, grazie all’elevata professionalità del personale incaricato operante.

I lavori si sono ora spostati nel tratto urbano del fiume Tevere, fra ponte Sant’Angelo e ponte Vittorio Emanuele II – dove si completerà, il giorno giovedì 26 novembre, la seconda fase di rimozione del relitto di 10 metri ivi presente.

L’operazione complessa di rimozione di questo relitto, composto da materiale cementizio e reti metalliche, si compone di due fasi, una iniziata nell’ottobre 2019 che ha portato, mediante frammentazione, alla rimozione dell’opera morta (parte emersa) dell’unità e la seconda, in atto ora e conclusiva, che comporterà l’intera rimozione dello scafo semisommerso mediante operazioni che si svolgeranno dallo specchio acqueo con l’ausilio di un pontone dotato di un braccio idraulico, e di sommozzatori professionisti che provvederanno ad assicurare il relitto che sarà imbragato e salpato in cassoni scarrabili per poi essere avviato direttamente allo smaltimento. L’attività è stata disciplinata mediante ordinanza di questa Autorità Marittima e seguita in loco da personale dipendente della Capitaneria di porto di Roma, per la messa in sicurezza dell’area, interessata da basamenti risalenti con ogni probabilità ad epoca romana, e la vigilanza e supporto alle delicate operazioni in corso, nel rispetto delle disposizioni vigenti .  L’area in questione verrà successivamente sottoposta a puntuale verifica per la completa asportazione di ogni eventuale residuo rimasto.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Fantasmi al cimitero - VIDEO/PARTE 1

Le operazioni di recupero e smaltimento sono svolte da ditte specializzate incaricate dalla Regione Lazio, secondo un piano preventivamente autorizzato dalla stessa Capitaneria di porto, al fine di garantire il mantenimento dei massimi standard di sicurezza, salvaguardia ambientale e tutela della navigazione.

L’attività nasce per contrastare l’annosa problematica legata alla presenza di relitti semiaffondati lungo il corso del Tevere (nella maggior parte dei casi di proprietà ignota) che, oltre a contribuire al degrado e alla scarsa fruibilità della zona, possono essere concausa, nell’ipotesi di piene del fiume, di rischi idraulici conseguenti alle difficoltà del corretto deflusso delle acque, oltre che di ostacolo al transito in sicurezza delle unità nautiche.

LEGGI ANCHE  PALOMBARA SABINA - La mamma si addormenta mentre allatta, neonato muore in ospedale

La Capitaneria di porto di Roma Fiumicino, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Civitavecchia, già dal settembre 2017 si è fatta promotrice di un Tavolo di lavoro con le Amministrazioni competenti – Regione Lazio, Autorità di bacino, Autorità di sistema portuale Mar Tirreno Centro Settentrionale, Comuni di Roma Capitale e Fiumicino –  che ha portato alla sottoscrizione di un Accordo di collaborazione al fine di coordinare le azioni necessarie per rimuovere i relitti e, conseguentemente, ripristinare i più consoni standard di salvaguardia, di decoro ambientale e di possibilità di fruizione, nel tratto fluviale, da parte della collettività.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.