Giornata ecologica nella Riserva, volontari puliscono il Catillo

Una decina di volenterosi, zaino, scarponi e sacchi della spazzatura, hanno percorso diversi sentieri a caccia di vetro e metallo (Video)

Uno degli effetti del grande incendio è stato quello di portare alla luce una “montagna” di rifiuti. Tante, tante, bottiglie di vetro e dei contenitori di metallo che prima erano nascosti dalla vegetazione ed ora, invece, sono ben visibili. Tanta spazzatura lasciata nel corso degli anni dalle tante persone che sul Catillo hanno effettuato passeggiate e picnic. Spinti dall’amore per la montagna e per la Riserva alcuni volontari domenica scorsa hanno effettuato una escursione con l’obiettivo di pulire il più possibile.

“E’ un’occasione unica per pulire i nostri monti – racconta Matteo Cacioni – e ne abbiamo approfittato. Purtroppo dopo che le fiamme hanno distrutto centinaia di ettari di vegetazione sul Catillo oltre che la devastazione di una montagna brulla sono rimasti tanti rifiuti. Tanto gli operatori del parco quanto gli escursionisti li hanno notati e parlando è nata l’idea di questa attività”.

LEGGI ANCHE  Solidarietà alla Cgil, a Tivoli una manifestazione dell’Anpi

Così una decina di volenterosi, zaino, scarponi e sacchi della spazzatura, hanno percorso diversi sentieri a caccia di vetro e metallo.

 

 

“Ci siamo voluti rendere utile e pulire i nostri monti. Amiamo queste zone, e la montagna in genere. Questa estate abbiamo sofferto a vederla bruciare, almeno ora cerchiamo di renderla più pulita prima che la vegetazione ricresca, inghiottendo di nuovo i rifiuti”.

Ci spinge l’amore per il parco e per la natura. Dopo il dolore per

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *