TIVOLI – Scarica i rifiuti davanti alle campane del vetro, ristoratrice denunciata

Rintracciata dagli Ispettori Ambientali della Congeav: tra la spazzatura, anche documentazione cartacea del locale

All’interno dei sacchi c’era spazzatura di ogni tipo, ma anche documentazione cartacea intestata alla sua attività. Così i Carabinieri Forestali della stazione di Guidonia Montecelio hanno denunciato una 50enne imprenditrice di Tivoli per abbandono di rifiuti sul suolo pubblico e rischia una sanzione fino a 6 mila euro.

La donna, amministratrice di un noto fast food del Centro storico, deve rispondere di tre sacchi abbandonati ad agosto nella piazzola dedicata alle campane del vetro in via dei Sosii.

Sono stati gli Ispettori Ambientali dell’associazione Congeav a ritrovarli e ad esaminarne il contenuto: tra lattine, bottiglie, plastica, imballaggi le Guardie ecologiche hanno anche scoperto documentazione cartacea riconducile alla società che gestisce il pub, amministrata appunto dalla 50enne.

Quella di via dei Sosii non è l’unica piazzola delle campane del vetro realizzata dalla municipalizzata Asa trasformata in discarica abusiva a cielo aperto a Tivoli, sintomatico di un fenomeno inarrestabile a dispetto dei controlli.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Onorio Picardi, addio al creatore dei carri allegorici di Carnevale

Sempre ad agosto gli Ispettori Ambientali Congeav hanno rinvenuto altri tre sacchi di rifiuti indifferenziati abbandonati davanti ai contenitori del vetro in viale Roma: anche in quel caso tra la spazzatura è stata rinvenuta documentazione riconducibile ad un 50enne di Percile nei confronti del quale il Comune di Tivoli emetterà una sanzione per un importo previsto fino a 500 euro.

Nel corso dei servizi di controllo sul territorio tiburtino eseguiti nel 2022 gli Ispettori Ambientali Congeav hanno effettuato numerose segnalazioni ai Carabinieri Forestali di Guidonia e alla Polizia Locale di Tivoli, oltre che ai Vigili del Fuoco e alla Asl Roma 5.

In particolare, nel campo della spazzatura: 40 segnalazioni di abbandono di rifiuti da parte di cittadini privati, 8 segnalazioni di abbandono di rifiuti riconducibili ad attività di società, 15 segnalazioni di presenze di discariche abusive, oltre a 10 attività di supporto per il contrasto del fenomeno del trasporto illecito di rifiuti da parte dei cosiddetti “svuotacantine”.

LEGGI ANCHE  I colori del foliage sui Monti Lucretili

Gli Ispettori hanno inoltre effettuato 5 segnalazioni di roghi tossici, 3 segnalazioni di principi di incendi boschivi e non, oltre a 10 segnalazioni di fenomeni di maltrattamenti di animali con presenza di trappole di grossa taglia per cinghiali e tassi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.