PALOMBARA SABINA – Monti Lucretili, il Governatore dimissionario nomina il nuovo Direttore

La giunta Palombi contesta l’incompatibilità del Deputato Zingaretti e ricorre al Tar contro la nomina di Carlo Pietrosanto

Può un Governatore dimissionario, già eletto Deputato, assegnare incarichi di vertice nelle strutture della Regione?

E’ il quesito posto al Tar del Lazio da parte del Comune di Palombara Sabina.

La giunta comunale ha infatti autorizzato il sindaco Alessandro Palombi ad intraprendere le opportune azioni giudiziali contro la nomina per 5 anni del dirigente regionale Carlo Pietrosanto a Direttore del Parco naturale dei Monti Lucretili, all’interno del quale è ricompreso anche il Comune sabino.

Oggetto del contendere è il Decreto di nomina del Direttore del Parco firmato lo scorso 25 ottobre dall’oramai ex Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, attuale Deputato del Partito Democratico.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Carnevale 2023, il programma delle cinque sfilate in maschera

Nel caso di specie, l’amministrazione comunale di Palombara Sabina richiama quanto sancito dall’articolo 122, secondo comma, della Costituzione:

Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento (…)”.

A parere del Comune sabino sussistono delle evidenti perplessità in merito alla legittimazione del Presidente della Regione Lazio all’emanazione del provvedimento di nomina in ragione del suo attuale coevo status politico di parlamentare e presidente regionale: tale incompatibilità, se fosse accertata, comporterebbe il venir meno di tutti i provvedimenti, esclusi quelli ricadenti nell’ordinaria amministrazione, adottati in pendenza di tale regime di incompatibilità.

Anche senza rivolgerci al Tar che giudicherà sulla legittimità dell’atto – commenta il sindaco Alessandro Palombi, neo eletto Deputato di Fratelli d’Italia nel Collegio di Guidonia Montecelioè palese l’inopportunità politica per un Governatore, che sa di essere decaduto, di decidere i destini di un Ente per i successivi 5 anni”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.