Caro pedaggi A-24, il ministro Salvini incontrerà i sindaci

L'incontro martedì 6 dicembre al Mit. Trattative aperte

Caro pedaggi, prima mossa al ministero dei trasporti. I sindaci e gli amministratori di Lazio e Abruzzo impegnati nella lotta contro il “caro- pedaggi” e per la sicurezza della A24/A25, nella serata di oggi, mercoledì 30 novembre, hanno comunicato di essere stati contattati dal consigliere Davide Bordoni della segreteria del ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini, per fissare l’incontro tra il ministro e la delegazione dei sindaci.

All’incontro che si svolgerà presso il MIT, martedì 6 dicembre alle ore 11, saranno presenti rappresentanti di Anas, il commissario alla sicurezza Corsini e il dirigente del ministero Morisco. “Si continua a lavorare per il bene dei nostri territori”, hanno comunicato i sindaci, un centinaio di amministratori di Lazio e Abruzzo da anni impegnati nella battaglia contro il caro pedaggi.

Ieri mattina una delegazione di sindaci e di amministratori , tra cui il presidente del Consiglio regionale del Lazio Marco Vincenzi, il senatore Bruno Astorre e la consigliera regionale Michela Califano si sono recati al ministero per dire stop al caro pedaggi sulle autostrade A 24 e A 25. “Cerchiamo una risposta concreta da parte del Governo, per risolvere un problema che interessa migliaia di pendolari che ogni giorno, per diverse esigenze, sono costretti a spostarsi da e verso Roma. Dopo tanta attesa è ora di agire“, ha commentato poi Vincenzi.

LEGGI ANCHE  PALOMBARA SABINA - Sagra delle Cerase, l’Amministrazione comunale ringrazia

La consigliera regionale della Lega Laura Cartaginese, da parte sua, considera già vinta la battaglia contro il caro pedaggi e ringrazia il ministro. “Grazie all’incessante lavoro del ministro Salvini, sono stati scongiurati gli aumenti delle tariffe dei pedaggi autostradali sulla A24-A25, fondamentale asse viario tra la Capitale, il quadrante est e la Regione Abruzzo”, ha fatto sapere.
Senza questo intervento dal prossimo anno i costi sarebbero lievitati di circa il 34%, con un pesante aggravio economico sui lavoratori-pendolari e le loro famiglie”, ha aggiunto.

Ancora più importante – ha concluso la consigliera regionale – il fatto che il Ministro Salvini abbia dato mandato ad Anas di stilare un piano di fattibilità per l’abbattimento dei pedaggi stessi, andando incontro alle richieste avanzate da tempo dai cittadini e dagli amministratori locali, e di essersi impegnato a stanziare fondi destinati alla manutenzione ordinaria e straordinaria del tratto autostradale, 400milioni di euro nel 2022 e 1 miliardo quelli per il 2023. La Lega è sempre vicina ai cittadini, al Governo e nella Regione Lazio”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.