TIVOLI – Ciak si gira, con la fiction sul Duce scatta il divieto di sosta

Divieto di transito e rimozione nel Centro storico per la serie “La lunga notte” prodotta da Luca Barbareschi

I vicoli suggestivi del Centro storico di Tivoli ancora una volta protagonisti di un film.

In città torna la troupe de “La lunga notte”, una serie destinata a sbancare gli ascolti di Rai Uno che già a settembre aveva girato alcune scene della fiction.

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Proietti ha infatti concesso l’occupazione di suolo pubblico alla produzione “Eliseo Multimedia Spa” per tutta la giornata di lunedì 5 dicembre.

Ad autorizzare le riprese è l’ordinanza numero 433 – CLICCA E LEGGI L’ORDINANZA - firmata martedì 29 novembre dal Comandante della Polizia Locale di Tivoli Antonio D’Emilio che ha concesso il suolo pubblico dalle 00,01 alle 24 del 5 dicembre alla società di produzione dell’attore e regista Luca Barbareschi.

LEGGI ANCHE  SUBIACO - Lutto nel Cinema, è morta Gina Lollobrigida

Pertanto da mezzanotte di oggi scatta il divieto di sosta con rimozione coatta dei veicoli inadempienti e comunque fino a cessate esigenze nelle seguenti zone:

Piazza del Seminario

Via San Valerio, Vicolo dei Masci, Vicolo Leoncini

Piazza Domenico Tani, compresa area adiacente alla Cattedrale

Piazza Rivarola, da collocarsi in area dove non si creino disagi alla cittadinanza

Largo Saragat, lato destro del piazzale prima corsia adibita a parcheggio per la sosta dei mezzi della produzione (campo base).

Già lo scorso martedì 13 settembre la troupe della “Eliseo Multimedia Spa” aveva girato alcune scene de “La lunga notte” tra Largo Saragat, il piazzale del cimitero di Tivoli, e scorci del Centro storico, come Via Santa Sinferusa, Piazza Sabucci, Piazza del Comune, Via Lione, Piazza Domenico Tani e Via Mauro Macera.

LEGGI ANCHE  VICOVARO - Smarrisce il segugio e non denuncia, multa da 500 euro

La lunga notte – ha spiegato Luca Barbareschi all’agenzia Ansaè una serie sugli ultimi tre mesi del fascismo.

Un periodo italiano molto simile a oggi: tutti contro tutti, tutti che tradiscono tutti e tutti che trovano un capro espiatorio”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.