MONTEROTONDO – Gennaio è il mese del cineforum femminista

Da oggi e per i prossimi due sabati tre proiezioni dedicate al femminismo. Ingresso gratuito

L’associazione di volontariato La casa delle case, insieme a Non una di meno Monterotondo, arricchisce il gennaio eretino di un’iniziativa finalizzata, ancora una volta, alla sensibilizzazione sull’argomento del ruolo sociale delle donne.

L’obiettivo, si apprende dal sito dell’associazione, è iniziare il nuovo anno “con la proposta di un cineforum femminista per affrontare il tema in giornate diverse da quelle ricorrenti del 25 novembre e dell’8 marzo, per far emergere l’impegno quotidiano delle associazioni e dei movimenti che lavorano, lottano e si battono tutto l’anno per smantellare il patriarcato e la cultura sessista che permea le nostre vite”.

Le proiezioni avverranno alle ore 16 del 14-21-28 gennaio presso la Casa della Pace Angelo Frammartino di Monterotondo e l’ingresso sarà gratuito. I film selezionati sono emblematici della lotta femminista dagli anni ’70 ad oggi e raccontano – tra scorci di quotidianità e grandi sfide – la determinazione femminile nel rincorrere ed ottenere diritti e parità di genere:

LEGGI ANCHE  La Roma perde a Napoli, Zaniolo inseguito e minacciato dai tifosi a Casal Palocco

Sabato 14 GENNAIO 2023La battaglia dei sessi di Jonathan Dayton e Valerie Faris. Ospiti: Alessia Pieretti (campionessa mondiale di pentathlon) e Rossella Di Benedetto (APS Scosse).

Sabato 21 GENNAIO 2023Il concorso di Philippa Lowthorpe. Ospite: Teresa Cinque (autrice e monologhista).

Sabato 28 GENNAIO 2023 Il terribile inganno di Maria Arena (che sarà anche l’ospite di giornata).

L’evento ricade nell’ambito del progetto “Donne al centro: essere al femminile”, avviso pubblico “Comunità solidali 2020” della Regione Lazio ed è attivamente realizzato da “La casa delle case”, un’associazione che opera a Monterotondo da più di vent’anni e che nel corso di questi due decenni si è affermata come un porto sicuro per coloro che vivono in situazioni di disagio economico, sociale e psicologico ma anche per donne e madri in difficoltà. (F.L.)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.