GUIDONIA - Devastano la scuola di notte, denunciati 8 alunni minorenni

Attraverso il sistema di videosorveglianza i carabinieri hanno individuato i vandali: 6 maschi e 2 femmine

Erano entrati di notte forzando una porta anticendio e devastando le aule.

Una “bravata” che costerà cara a 8 ragazzini di Guidonia Centro denunciati dai Carabinieri alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma per danneggiamento aggravato e invasione di edifici.

Il caso è stato reso noto oggi, venerdì 10 febbraio, in un comunicato stampa dei militari della Compagnia di Tivoli.

I fatti risalgono alla notte del primo dicembre 2022 e sono accaduti nella sede centrale dell’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani” di via Marco Aurelio nel Centro della città.

Gli 8 adolescenti, 6 maschi e 2 femmine di età comprese tra i 15 e i 16 anni, tutti alunni o ex studenti dello stesso istituto, forse per noia o per vendetta per qualche cattivo voto ricevuto, verso le 23,30 si erano introdotti all’interno della scuola, distruggendo una porta e diverso materiale scolastico e didattico.

LEGGI ANCHE  VICOVARO - Eccidio delle Pratarelle, il Comune chiede il titolo di Città

Il sistema di allarme del plesso, già vandalizzato in passato, si era subito attivato per cui i ragazzini si erano dati alla fuga, dopo aver causato danni quantificati in diverse migliaia di euro.

Così la dirigente scolastica Giuseppina Guarnuto si era recata presso la Tenenza dei Carabinieri di Guidonia per denunciare che alcuni ragazzi, al di fuori dell’orario scolastico, si erano introdotti abusivamente all’interno dell’istituto devastandone le aule.

A quel punto, i militari avevano avviato le indagini e attraverso le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza e un attento lavoro di riscontro gli investigatori hanno ricostruito i volti degli otto autori, associando un nome e cognome per ciascuno.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Lite tra anziani vicini: uno sfregia l’auto, l’altro lo prende a palate

Già nella notte tra l’8 e il 9 marzo 2022 i vandali avevano preso di mira la “Don Lorenzo Milani”. In quel caso scavalcarono il muro di cinta della scuola con l’unico scopo di danneggiare la bandiera della pace allestita nel cortile in omaggio alla popolazione ucraina vittima della guerra.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.