FONTE NUOVA - Paura in villa, rapinato il patron delle Terme di Roma

Tre banditi nella residenza di Bartolomeo Terranova: portati via contanti e gioielli sotto la minaccia delle armi

Rapina a mano armata nella villa dell’imprenditore Bartolomeo Terranova, patron delle Terme di Roma.

Sul caso la Procura di Tivoli ha aperto un fascicolo contro ignoti.

Secondo le prime informazioni raccolte dal quotidiano on line Tiburno.Tv, il fatto è accaduto nella serata di lunedì 30 gennaio scorso nella villa dell’imprenditore a Santa Lucia, frazione del Comune di Fonte Nuova.

Erano circa le ore 19 e Bartolomeo Terranova era insieme alla moglie Bianca nella sua residenza, una grande villa con piscina in una zona circondata dalla campagna romana. Lei 73 anni, lui 82, il maggior imprenditore della provincia Nordest di Roma, amministratore della “Acque Albule Spa”, la partecipata per il 60 per cento proprietà del Comune di Tivoli e per il restante 40% della Fincres dello stesso Terranova.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Partita del Cuore, Roma Calcio Amputati e vecchie glorie del Villalba in campo per Raffaela

La coppia, anziana e facoltosa, è stata l’obiettivo ideale per una banda di tre balordi coi volti travisati da passamontagna e armati di pistola. Pare che i rapinatori siano penetrati nel giardino della villa, restando in attesa del momento giusto per fare irruzione all’interno. Il piano è andato a segno quando l’82enne ha aperto una porta e si è ritrovato la pistola puntata contro.

A quel punto, i tre banditi hanno immobilizzato i coniugi Terranova e – con un accento dell’Est Europa – costretto a consegnare tutto: circa 800 euro, un orologio e diversi oggetti preziosi, è il bottino denunciato dalla coppia ai carabinieri della stazione di Mentana.

Dieci minuti di paura per la coppia, poi la fuga dei rapinatori senza lasciare traccia: pare che l’impianto di video-sorveglianza fosse disattivato.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.