MONTELIBRETTI - Furto di tavoli e panche, il Comune ripristina l’Oasi Sulfurea

Di nuovo agibile il sito naturalistico intitolato al giovane scout Simone Agostini

E’ di nuovo fruibile l’area dell’oasi sulfurea, la sorgente di acqua solfa di Via Vecchia Nomentana in località Tre Ponti, a Montelibretti.

Ad annunciarlo è l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luca Branciani che nei giorni scorsi ha eseguito interventi di manutenzione straordinaria per la riparazione della staccionata, delle panchine e delle aiuole che erano state danneggiate, e in alcuni casi portate via, dalla corrente a seguito dell’esondazione.

L’amministrazione di Montelibretti ha inoltre acquistato e ricollocato nuovi tavoli e panche, che recentemente erano stati oggetto di furto.

Il sito naturalistico è citato da Strabone nel Geographika’ come Acquae Labanae di Montelibretti, grande sorgente termale rinomata in età antica.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - "Asl, precari non stabilizzati e medici in fuga": l'allarme della Cisl

Dall’agosto 2022 è divenuta l’Oasi Sulfurea intitolata a Simone Agostini, un giovane scout di Montelibretti che animava il suo impegno in quell’area.

L’amministrazione comunale ha infatti affidato alla Pomili Demolizioni Speciali Srl un intervento di riqualificazione della sorgente sulfurea denominata “Acqua Solfa“: l’intervento è stato composito e ha compreso la bonifica del sito inquinato, la pulizia dai rifiuti e il taglio dell’erba.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.